Nasce Gaia Lex Martesana: avvocati in difesa di animali e ambiente

Nasce il centro di azione giuridica che si occupa di intraprendere ogni iniziativa legale in favore degli animali dell’ambiente

Margherita Zanella

Margherita Zanella Avvocato

Il vicino di casa pretende che ci sbarazziamo del nostro cane perché gli da fastidio? L’amministratore di condominio non vuole che ci occupiamo di sfamare i gatti randagi? Dobbiamo fare una denuncia per abbandono o maltrattamento di animali?  
A rispondere c’è Gaia Lex, centro di azione giuridica per gli animali e l’ambiente creato dall'associazione Gaia Animali & Ambiente Onlus, che si occupa di intraprendere ogni iniziativa legale opportuna in favore degli animali e dell’ambiente.
Gaia Lex si avvale di un pool di giovani avvocati esperti di legislazione animale ed approda ora anche nel territorio della Martesana. Grazie alla disponibilità dell’Avv. Margherita Zanella, giovane e brillante avvocato civilista, è attivo un nuovo punto di riferimento Gaia Lex, nei territori di Segrate e della Martesana. 

«Gaia Lex nasce per dare una risposta alla richiesta di assistenza legale da parte di cittadini e associazioni sulle tematiche ambientali e sulla difesa degli animali sul territorio nazionale - spiega il presidente di Gaia, Edgar Meyer - i suoi scopi principali sono quelli di garantire ai cittadini consulenza, assistenza e supporto concreto in materia di tutela degli animali al fine di assicurare un intervento in difesa degli interessi lesi».  Gaia Lex Martesana risponde alla mail: segreteria.gaia@fastwebnet.it 
Gaia Lex e Gaia Lex Martesana si rivolgono anche alle istituzioni per instaurare una collaborazione volta alla produzione e alla applicazione delle norme necessarie a tutelare i diritti dell’ambiente e degli animali che promuovano la coscienza ambientalista e animalista al fine di pervenire a soluzioni per migliorare l’ambiente stesso.
Per informazioni: www.gaiaitalia.it

1 commenti

silvia caputo :
Nel comune di Venetico in prov. di Messina il sindaco ha deciso di fare una guerra ai possessori di cani mettendo un divieto d’accesso ai cani negli unici luoghi di interesse pubblico ai giardini pubblici e sul lungo mare. Avendo due figlie sono costretta a scegliere con chi uscire se portare le bambine a passeggio oppure il cane, sono priva di fare la corsa mattutina con il mio cane sul lungo mare. La situazione è davvero insostenibile, tutto questo senza passare dalla contravvenzione per quei proprietari che non tolgono le deiezioni dei loro cani. Ho visto che ci sono state diverse sentenze di tribunali in diverse province d’Italia che hanno fatto correggere questo divieto. Io cosa posso fare? La vita di proprietario di cane in questo comune è veramente faticosa. saluti silvia caputo | domenica 21 giugno 2015 12:00 Rispondi