page contents

La pubertà del gatto: passaggio dall’infanzia all’età adulta

Per tutti noi la pubertà di figli e nipoti è un momento importante, cui riviste e libri dedicano intere pagine ma.. .spesso non pensiamo che anche i nostri animali attraversano questa fase di “grandi cambiamenti” e dall’ infanzia si avviano all’ età adulta.

Durante la pubertà  i proprietari potrebbero notare dei cambiamenti legati al comportamento sessuale del loro gatto. Nel cervello avvengono importanti processi di trasformazione: i collegamenti neuronali della fase di allattamento e dell’infanzia, vengono completamente modificati e tutto ciò che apprenderanno in questa fase creerà le basi per il comportamento futuro. Occorrerà, da parte del proprietario, molta pazienza perché potrebbe fare cose che non dovrebbero. L’età in cui si manifestano i primi comportamenti sessuali può variare in base alla razza (gli orientali hanno uno sviluppo precoce mentre i siberiani, norvegesi e Maine Coon più tardivo), alla presenza di luce solare ed anche a seconda della stagione. A volte non si riconoscono subito e quindi sarebbe utile non lasciare uscire gatti giovani non ancora sterilizzati. Solitamente si manifestano intorno ai 6-10 mesi nelle femmine  ed intorno ai 7-12 nel maschio. E per i proprietari inizia un periodo difficile: le gatte, quando vanno per la prima volta in calore (estro),  diventano più affettuose ma anche molto irrequiete e potrebbero tentare di scappare da casa per trovare un potenziale partner. Manifestano il loro stato con un miagolio che può variare da una tonalità delicata ad una assordante allo scopo di attirare l’attenzione del maschio. Si rotolano per terra, strofinano la testa e il collo contro gli oggetti e a volte  assumono la tipica posizione dell’accoppiamento accucciandosi per terra con il bacino alzato. La durata dell’estro è di circa sette giorni ai quali farà seguito un periodo di riposo variabile per poi riprendere, se non è in gravidanza, con vocalizzi e moine. Passato l’estro e prima che torni di nuovo… sarebbe utile.. come abbiamo già suggerito altre volte, sterilizzare la gatta affinchè non vada perennemente in calore  con il rischio di fuga e quindi di rimanere gravida e per evitarle problemi di salute quali gravidanze isteriche, tumori all’utero e altro. Anche l'inizio della pubertà nei maschi non passa inosservata; i gatti maschi cominceranno a marcare il loro territorio spruzzando urina .. ahimè ..anche in casa, su divani, poltrone e altro… non per fare un dispetto ma perché questo rappresenta l'invio di segnali per rivaleggiare con altri  maschi e per attirare le femmine in calore.  Se il micio esce in giardino, in questa fase di sviluppo, potrebbe diventare territoriale e quindi aggressivo, e le  lotte con altri gatti potrebbe essere un problema. A differenza della femmina nel maschio si possono notare alcuni cambiamenti fisici;  il musetto  potrebbe diventare  più pieno e i testicoli possono diventare più evidenti. Il gatto maschio, a differenza della femmina, non ha dei periodi in cui è sessualmente attivo e altri in cui è quiescente, infatti, una volta raggiunta la maturità sessuale, è sempre pronto per l’accoppiamento. Il maschio reagisce ai feromoni liberati dalle femmine in calore ed è appunto grazie a questi che le localizza perfino a un paio di chilometri di distanza. Molti si allontanano da casa per periodi anche lunghi alla ricerca di una compagna andando incontro a pericoli. Anche per il vostro gattone una scelta responsabile è data dalla tempestiva sterilizzazione per evitare i frequenti tentativi di fuga, lotte con altri maschi ammalati e quindi il rischio di contrarre, tramite graffi o morsi,  malattie mortali quali la FELV (leucemia felina) o la FIV (immunodeficienza felina) e per contenere gli spruzzi di urina. Se nella vostra casa vivono sia un gatto maschio che una femmina sappiate che, in questa fase di passaggio, il rapporto fra i due, prima giocoso e allegro,  potrebbe essere teso e anche qui occorre molta pazienza da parte del proprietario. Poi tutto tornerà come prima. Ricordiamo che la sterilizzazione dei gatti, oltre ad evitare problemi di salute sopra indicati e cucciolate indesiderate, non cambia assolutamente il carattere del vostro micio; se vogliamo bene al nostro piccolo tigrotto sterilizziamolo per tempo, vivrà meglio, più sereno e con più salute.