Censi: «Il Piano Strategico della Città metropolitana prevede per il trasporto pubblico e il suo sviluppo, un ruolo centrale»

La vicesindaca della Città Metropolitana precisa la sua posizione sulla questione del prolungamento della metropolitana nel Sud Est Milano

Arianna Censi

Arianna Censi Vicesindaca Città Metropolitana di Milano

Arianna Censi scrive a 7giorni

In riferimento all'articolo apparso ieri, 6 marzo, sul vostro quotidiano, che riporta mie dichiarazioni, ci terrei a fare alcune precisazioni. Il prolungamento della MM3 fino a Paullo non è finanziariamente sostenibile oggi, il che non significa che non sarà possibile realizzarlo in futuro, o, ancora, che io sia personalmente contraria a questo prolungamento. Chi mi conosce sa che da sempre sono una sostenitrice della mobilità sostenibile, in particolar modo su ferro. La Città metropolitana ha, come tutti sappiamo, delle difficoltà di bilancio che consentono, faticosamente, di mantenere i livelli di servizi di nostra competenza. È evidente quindi che, nelle condizioni attuali, la Città metropolitana non possa compiere investimenti su progetti a lungo termine. Promettere il contrario equivale a mentire. Resto convinta che il trasporto pubblico locale di area vasta sia non solo una funzione fondamentale della Città metropolitana di Milano, ma uno degli strumenti fondamentali con il quale possiamo indirizzare lo sviluppo strategico del territorio, soprattutto in chiave sostenibile, essendo il principale sistema per abbattere traffico e inquinamento. Non a caso, infatti, come voi sicuramente sapete, il Piano Strategico della Città metropolitana approvato lo scorso anno, prevede per il trasporto pubblico e il suo sviluppo un ruolo centrale. Voglio dire con forza qui che il trasporto pubblico è qualcosa su cui si deve investire con continuità e coerenza. La soluzione che ho prospettato nell'incontro dell'altra sera, ovvero la creazione di una linea bus rapid transit fino a Segrate per creare un nodo intermodale con il passante FS e la MM4, oggi appare un rimedio percorribile. Non ho la presunzione di pensare che questa sia “la soluzione”, però è qualcosa di concreto che si può realizzare, con una spesa contenuta e in tempi relativamente rapidi. Ciò non toglie che in futuro, in presenza di fondi certi, si possa trasformare la strada preferenziale del bus nella sede dei binari per la MM3.

Concludo chiarendo due aspetti: il primo, molto semplicemente, riguarda la Città metropolitana, la quale non solo non spreca in nessun modo i danari, ma anzi, pur in scarsità di risorse, continua a garantire i servizi. Il secondo aspetto che vorrei chiarire è che bisogna ragionare, in questi casi, in un'ottica di medio termine e di sviluppo delle reti dei servizi. Dire che “le politiche di mobilità sono dettate dai centri commerciali” significa non capire nulla di politiche di mobilità.

Con cordialità,

Arianna Censi, vicesindaca della Città metropolitana di Milano


San Valentino, scopri l'oroscopo dell'amore

Leggi l'oroscopo di San Valentino e scopri cosa hanno prenotato i tuoi astrologi..
14 febbraio 2018
Ornella Muti (9 marzo 1955) - Attrice italiana

Pesci, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017
Valentino Rossi (16 febbraio 1979) - Motociclista italiano

Acquario, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017