Svizzera, un 48enne tedesco muore in seguito al'incendio della sua Tesla con "auto pilota"

Secondo i Pompieri di Bellinzona a innescare l'incendio sarebbero state "verosimilmente" le batterie al litio, secondo l'azienda americana non è certa la causa

Foto www.tio.ch

Cadenazzo (Ch) 14 maggio 2018. Secondo quanto riporta  la testata  svizzera Ticino Online giovedì scorso sull'A2 svizzera, ha perso la vita un 48enne tedesco, per un incidente. Si è saputo oggi che l'auto coinvolta era una Tesla. Verosimilmente, hanno reso noto i pompieri di Bellinzona, a causare l'incendio del veicolo sarebbero state le batterie agli ioni di litio: un problema non indifferente per la casa automobilistica californiana, noto come "thermal runaway". 

La Tesla produce macchine elettriche, con dispositivi di intelligenza artificiale che assistono la guida anche in modo automatico e ultimamente ha aperto anche la sede milanese in un autosalone di ampie dimensioni sulla  Sp. Paullese all’altezza di Peschiera Borromeo. Il clamore suscitato nei media è causato dal grande interesse che il mercato ha nei prodotti della casa americana del paron Elon Musk.

«Appena la notizia è circolata – recita l’articolo pubblicato il 14 maggio sulla testata svizzera -, l’azienda americana non ha perso tempo. Diversi media ticinesi sono stati contattati nello stesso  pomeriggio da un portavoce di Tesla per precisazioni. In particolare, all'azienda preme sottolineare che “allo stato attuale delle indagini” non è certo cosa abbia causato il decesso del 48enne, se l'urto con il guardrail o l'incendio partito dalle batterie». Il gruppo della Silicon Valley dal canto suo si dice «profondamente addolorato» per l'incidente, e afferma di stare «lavorando per stabilire la dinamica dell'incidente in piena collaborazione con le autorità locali». 

La Polizia cantonale, contattata da Ticino Online, non ha fornito ulteriori dettagli al riguardo. Comprensibile visti anche gli interessi in gioco: proprio nei giorni scorsi negli Stati Uniti la Ntsb, l'agenzia governativa che si occupa della sicurezza dei trasporti, ha aperto un'inchiesta su un incidente molto simile avvenuto martedì. A Fort Lauderdale, in Florida, due persone hanno perso la vita tra le fiamme dopo essersi schiantati con una Tesla 2014 contro un muro. In quel caso, come nell'incidente sull'A2, non è chiaro se il veicolo avesse attivato il pilota automatico.    

Secondo quanto scritto dai pompieri di Bellinzona sulla loro pagina di Facebook, le fiamme che hanno distrutto la Tesla su cui viaggiava il 48enne sarebbero infatti divampate partendo dalle batterie del veicolo.

A seguito del violento impatto, le batterie agli ioni di litio avrebbero verosimilmente provocato un rapido ed inarrestabile aumento della temperatura, innescando il rogo.

L’uomo, ricordiamo, ha perso il controllo del veicolo pochi metri dopo la galleria del Monte Ceneri andando a sbattere contro il guardrail centrale. L’automobile si è in seguito ribaltata ed ha preso fuoco, intrappolando fatalmente il conducente.
L'autosalone Tesla di Peschiera Borromeo

L'autosalone Tesla di Peschiera Borromeo https://insideevs.com/

San Valentino, scopri l'oroscopo dell'amore

Leggi l'oroscopo di San Valentino e scopri cosa hanno prenotato i tuoi astrologi..
14 febbraio 2018
Ornella Muti (9 marzo 1955) - Attrice italiana

Pesci, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017
Valentino Rossi (16 febbraio 1979) - Motociclista italiano

Acquario, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017