Epidemia killer, le persone che cercano lavoro disimparano a leggere fino in fondo gli articoli

Gli esperti tuonano "di questo passo tra dieci anni la cultura non esisterà più"

È una vera e propria epidemia quella che colpisce l’italiano medio in cerca di lavoro. L’Associazione Nazionale Persone Attente parla di una “sindrome da incapacità di comprensione del testo” che difficilmente potrà essere guarita se non con grandi iniezioni di scuole serali. Il caso in questione avviene sul sito internet www.newslavoro.com, dove veniva segnalata in un articolo la possibilità di assunzione per 2000 persone presso l’azienda Esselunga. Nell’articolo veniva chiaramente spiegato come contattare il sito dell’azienda di supermercati, così che gli interessati fossero indirizzati al sito internet della stessa, valutando così le posizioni aperte e caricando il curriculum vitae. Questa è la premessa di una tendenza più fastidiosa dell’arrivo di un venditore di rose durante una cena romantica. Subito i lettori hanno cominciato a commentare l’articolo proponendosi per le più svariate mansioni, raccontando la propria vita lavorativa, sciorinando improbabili curriculum e lasciando recapiti telefonici che resteranno tristemente muti. «Questa epidemia- afferma chiunque abbia un minimo di senso critico- si sta allargando a macchia d’olio e comincia a diventare inarrestabile. Al momento non esiste una cura se non l’imparare a leggere e magari fermarsi un secondo a pensare. In fondo riflettere non ha mai ucciso nessuno».  “Uno su mille ce la fa”, cantava Gianni Morandi, ma sicuramente non è questo il caso.

Fonte: http://www.newslavoro.com/esselunga-assume-piu-di-2000-addetti-anche-senza-esperienza/

frill

I più visti

Come difendersi da un coerede ingordo?

Egregio Avvocato, Le sottoponiamo il nostro quesito sicure che Lei potrà fornirci il suo autorevole consiglio per la risoluzione del nostro problema. Siamo tre sorelle comproprietarie di un immobile del quale ne deteniamo il possesso in misura del 25% ciascuna; l'altro 25% è di proprietà di una quarta nostra sorella. Il suddetto immobile, pur essendo di proprietà esclusiva di noialtre quattro figlie, è stato utilizzato da nostra madre, fin dalla morte di nostro padre, come abitazione principale in qualità di coniuge erede.
23 luglio 2013

Il rispetto delle regole è alla base della società e si impara da piccoli

Il rispetto delle regole
Alla base della società civile sta l'importantissimo concetto del rispetto delle regole; una cosa che si impara fin da bambini e che porta a diventare d'esempio per il prossimo.
19 novembre 2014

Dipendente viene trasferito presso un’altra sede della società per la quale lavora, a 100 chilometri da casa. Enormi i disagi che la decisione presa dal suo datore di lavoro ha comportato. Il lavoratore cosa può fare? Si può opporre al trasferimento?

Spettabile redazione vorrei sottoporre all'Avvocato il seguente quesito. Mi è stato comunicato che dall'inizio del prossimo anno sarò trasferito presso un'altra sede della società per cui lavoro. La nuova sede dista più di 100 km da casa mia, mentre il posto di lavoro attuale solo 8 km. Nella lettera dell'azienda non mi viene fornita alcuna spiegazione circa questo trasferimento. Posso essere trasferito senza il mio consenso?
15 gennaio 2012