Milano verso il voto: c’è l’accordo tra il nuovo CDU e il partito di Giorgia Meloni

I cristiani democratici uniti inseriti nelle liste di Fratelli d'Italia, ma solamente per l'elezione dei componenti degli ex consigli di zona

L'Onorevole Nicandro Marinacci

L'Onorevole Nicandro Marinacci

I Cristiani Democratici Uniti sosterranno la candidatura di Parisi

Milano, 23 maggio 2016 - Posto che al Nuovo CDU e ad altri esponenti a esso vicini è stata di fatto impedita la presentazione di una propria lista per dissidio interno a livello locale milanese tra le componenti della Federazione Popolare - così come tristemente comunicato dall'Onorevole Nicandro Marinacci, responsabile nazionale per le amministrative 2016 - si è deciso quindi di concedere l’appoggio esterno alla candidatura a sindaco di Stefano Parisi, il cui programma elettorale è ampiamente condiviso. In particolare, circa la necessità di ridurre alcune voci di spesa pubblica per poter limare le tasse comunali e perciò lasciare più soldi da spendere nelle tasche delle famiglie, con il fine ultimo di favorire il rilancio dell’economia. 

«Riguardo al consiglio comunale del capoluogo milanese si lascia ampia libertà ai nostri elettori sul se e quale lista della coalizione di centrodestra votare - spiega l’On. Nicandro Marinacci -. Invece riguardo alle elezioni dei municipi (ex consigli di zona) - prosegue - il Nuovo Cdu ha raggiunto un importante accordo con Fratelli d’Italia (FDI) sulla base della condivisione dei valori della famiglia naturale, dell’opposizione a questo governo e dell'appoggio alla candidatura di Giorgia Meloni a sindaco di Roma. Tale accordo - aggiunge - prevede l’inserimento di alcuni nostri candidati nelle loro liste municipali in cambio di sostegno. Pertanto, si invitano i nostri elettori a votare, nei loro rispettivi municipi, la lista di Fratelli d’Italia». 

«Tra l'altro la prima legislatura dei cosiddetti municipi di Milano - dichiara Lorenzo Annoni del Nuovo CDU cittadino - consisterà necessariamente in un continuo esperimento di funzionamento operativo con tutti gli aggiustamenti e i miglioramenti di cui strada facendo si comprenderà la necessità. Al momento il principale aspetto critico è l’eccessiva diminuzione dei seggi, che contrae gli spazi di partecipazione e discussione democratica, peraltro “bilanciata” dalle nuove figure di membri della giunta municipale».


Comunicato Stampa Cristiani Democratici Uniti, Ufficio Stampa PZ

frill

I più visti

Come difendersi da un coerede ingordo?

Egregio Avvocato, Le sottoponiamo il nostro quesito sicure che Lei potrà fornirci il suo autorevole consiglio per la risoluzione del nostro problema. Siamo tre sorelle comproprietarie di un immobile del quale ne deteniamo il possesso in misura del 25% ciascuna; l'altro 25% è di proprietà di una quarta nostra sorella. Il suddetto immobile, pur essendo di proprietà esclusiva di noialtre quattro figlie, è stato utilizzato da nostra madre, fin dalla morte di nostro padre, come abitazione principale in qualità di coniuge erede.
23 luglio 2013

Il rispetto delle regole è alla base della società e si impara da piccoli

Il rispetto delle regole
Alla base della società civile sta l'importantissimo concetto del rispetto delle regole; una cosa che si impara fin da bambini e che porta a diventare d'esempio per il prossimo.
19 novembre 2014

Dipendente viene trasferito presso un’altra sede della società per la quale lavora, a 100 chilometri da casa. Enormi i disagi che la decisione presa dal suo datore di lavoro ha comportato. Il lavoratore cosa può fare? Si può opporre al trasferimento?

Spettabile redazione vorrei sottoporre all'Avvocato il seguente quesito. Mi è stato comunicato che dall'inizio del prossimo anno sarò trasferito presso un'altra sede della società per cui lavoro. La nuova sede dista più di 100 km da casa mia, mentre il posto di lavoro attuale solo 8 km. Nella lettera dell'azienda non mi viene fornita alcuna spiegazione circa questo trasferimento. Posso essere trasferito senza il mio consenso?
15 gennaio 2012