Peschiera, comunicato stampa del Comune sul Centro Estivo Comunale

Molinari: «L’argomento tendopoli ha sicuramente condizionato negativamente la valutazione di un valido progetto di integrazione sociale»

Il Sindaco Caterina Molinari

Il Sindaco Caterina Molinari

Continuità e integrazione nel progetto educativo del Centro Estivo

Peschiera Borromeo 26 luglio 2016 - Il Sindaco Caterina Molinari durante la giornata di lunedì 25 luglio, ha chiarito alla stampa nazionale la vicenda dell’impiego di un volontario con regolare status di rifugiato politico, all’interno del servizio del Centro Estivo gestito dalla cooperativa sociale Il Melograno.  
Il Sindaco Molinari chiarisce: «Siamo stati interpellati dalla stampa nazionale sulla scelta da parte di una madre di ritirare il proprio figlio dal Centro Estivo, dopo aver appreso la notizia della presenza di un volontario rifugiato politico. La vicenda ha generato apprensione e allarmismo e la nostra amministrazione e la cooperativa Il Melograno, sono state accusate di mancata comunicazione alle famiglie dei 110 bambini iscritti al Centro Estivo. Il progetto e l’organizzazione del Centro Estivo sono stati condivisi con le famiglie nel mese di maggio, con le stesse modalità dell’anno precedente. Le famiglie sono quindi state informate direttamente dalla cooperativa, dell’impiego di alcuni volontari all’interno delle attività ma, come l’anno passato, non è stato fornito l’elenco dei nomi e generalità dei volontari impiegati».  

Il sindaco Molinari ribadisce che la continuità progettuale e la professionalità della cooperativa Il Melograno sono garanzia dell’erogazione di un ottimo servizio, dove il personale qualificato viene affiancato da volontari che hanno già dimostrato attitudini personali idonee allo svolgimento degli incarichi: «Il volontario in questione aveva già affiancato l’anno scorso gli animatori nello svolgimento marginale delle attività, dimostrando una buona propensione al lavoro d’equipe e integrandosi con ottimi risultati all’interno del contesto educativo, sia coi colleghi che con i bambini. Abbiamo accolto le preoccupazioni delle famiglie e l’amministrazione ritiene che la vicenda vada ad inserirsi in un quadro di preoccupazione generale dovuto alla disposizione del prefetto di realizzare una tendopoli a Peschiera Borromeo. L’argomento tendopoli ha sicuramente condizionato negativamente la valutazione di un valido progetto di integrazione sociale, che sta portando ottimi risultati dal punto di vista umano, sia per gli adulti coinvolti che per i bambini fruitori del servizio».  

A commento delle vicende intercorse nelle ultime settimane, il Sindaco sottolinea che l’amministrazione comunale rigetta la tendopoli come modello di accoglienza, in favore dell’accoglienza diffusa, e a tal proposito incontrerà i sindaci del territorio durante la Conferenza indetta per mercoledì 27 luglio alle ore 10.30 in sala Consigliare.   

Il sindaco Molinari conclude: «Il dialogo con i cittadini risulta una mia priorità, soprattutto su questioni delicate come l’accoglienza dei profughi e la realizzazione di una tendopoli. Sarò lieta di incontrare i cittadini in occasione della Festa d’Estate in piazza della Costituzione a Mezzate venerdì 29 luglio alle ore 19.30. Coglierò questo momento di aggregazione per condividere gli intenti dell’amministrazione rispetto alla gestione dell’emergenza profughi, accogliendo le preoccupazioni e rassicurando sulla volontà di non accettare una tendopoli nella nostra città».

Comunicato Stampa del Comune di Peschiera Borromeo

1 commenti

corrado roveroni :
Da rileggere con cura: "le famiglie sono quindi state informate direttamente dalla cooperativa, dell’impiego di alcuni volontari all’interno delle attività ma, come l’anno passato, non è stato fornito l’elenco dei nomi e generalità dei volontari impiegati». Davvero una leggerezza non indicare nella precisazione che uno dei volontari fosse un rifugiato politico e magari extracomunitario ( ma non è dato sapere ). Leggerezza avveduta forse o dimenticanza trasparente. In ogni caso il risultato non è stilisticamente dei migliori. Quando invece la stessa Coop ha dato precise rassicurazioni che tutti gli educatori fossero in possesso di un adeguato standing professionale e di uno skill dei volontari immacolato. La prossima volta dite le cose come stanno ... Buon lavoro. | martedì 26 luglio 2016 12:00 Rispondi
frill

I più visti

Come difendersi da un coerede ingordo?

Egregio Avvocato, Le sottoponiamo il nostro quesito sicure che Lei potrà fornirci il suo autorevole consiglio per la risoluzione del nostro problema. Siamo tre sorelle comproprietarie di un immobile del quale ne deteniamo il possesso in misura del 25% ciascuna; l'altro 25% è di proprietà di una quarta nostra sorella. Il suddetto immobile, pur essendo di proprietà esclusiva di noialtre quattro figlie, è stato utilizzato da nostra madre, fin dalla morte di nostro padre, come abitazione principale in qualità di coniuge erede.
23 luglio 2013

Peschiera, nella notte incendio al dehor dell’Asia Bar di via Liberazione

L'incendio del dehor
Danni anche all’interno del locale, e al condominio, si teme che l’atto sia stato doloso
29 marzo 2017

Dipendente viene trasferito presso un’altra sede della società per la quale lavora, a 100 chilometri da casa. Enormi i disagi che la decisione presa dal suo datore di lavoro ha comportato. Il lavoratore cosa può fare? Si può opporre al trasferimento?

Spettabile redazione vorrei sottoporre all'Avvocato il seguente quesito. Mi è stato comunicato che dall'inizio del prossimo anno sarò trasferito presso un'altra sede della società per cui lavoro. La nuova sede dista più di 100 km da casa mia, mentre il posto di lavoro attuale solo 8 km. Nella lettera dell'azienda non mi viene fornita alcuna spiegazione circa questo trasferimento. Posso essere trasferito senza il mio consenso?
15 gennaio 2012