Sta per essere inaugurata la nuova sede municipale di Pantigliate

Si sta preparando una grande festa, a Pantigliate, per l’inaugurazione della nuova sede municipale, ricavata ristrutturando quello che fu il Palazzo o Villa Mora. È un regalo bellissimo per tutti: non soltanto per la gente del paese, ma per chiunque, dentro e fuori Pantigliate, abbia a cuore le testimonianze storiche superstiti del nostro territorio. Queste ormai sono pochissime, e allora, quando esse vengono recuperate e riportate a nuova vita, tutti dobbiamo gioirne, perché dentro ai loro antichi mattoni sono sedimentate le memorie di innumerevoli generazioni, ci sono le “radici” comuni, le sole che ancora possono dare un senso compiuto al nostro vivere in un certo luogo, vuoi che siamo nati qui, oppure che ci siamo venuti ad abitare in anni più o meno recenti. Senza dimenticare poi, al contrario, le funzioni che tali strutture rinnovate possono offrire a servizio del cittadino, com’è appunto il caso previsto di Pantigliate (la sede originaria, quella di rossi mattoni che dal 1934 si affaccia anch’essa sulla piazza centrale, naturalmente non verrà abbattuta, continuerà a funzionare per uffici diversi).

Ieri come oggi, l’ex Palazzo Mora è tutto aperto sulla piazza principale del paese. Anziché ostacolarne l’accesso, la sua esedra semicircolare è un chiaro invito a entrare, a sorpassarne la soglia, a inoltrarsi nella corte, a visitare e utilizzare lo storico edificio. Da sempre, quest’ultimo è un “regalo” per Pantigliate. Ha contribuito a fare più “grande” e importante l’abitato: ne ha migliorato l’aspetto complessivo, ha ospitato persone e personaggi che hanno fatto la storia della località, e non solo. È stato, e lo sarà ancor più in futuro, il “fiore all’occhiello” di Pantigliate, da esibire con orgoglio ai forestieri.

Dal novembre 2003, Palazzo Mora è stato un “regalo” a pieno titolo per l’intera cittadinanza: quell’anno infatti, per merito dell’Amministrazione comunale è diventato proprietà pubblica. Allo scopo di impostare il restauro su basi solide e filologicamente affidabili, nel 2004, in via preliminare, si sono ricostruite le vicende passate dell’edificio grazie a un libro curato dallo scrivente, all’epoca distribuito gratuitamente alla cittadinanza e oggi reperibile nelle biblioteche. Si è scoperto così, con felice sorpresa, che sui documenti esso compare verso la metà del Cinquecento, però le sue origini risalgono addirittura più indietro, perlomeno al secolo precedente. Proprietario nel 1540 è il “Magnifico Signore Giovanni Francesco Capra, figlio del fu Magnifico Dottore in entrambe le Leggi Bartolomeo”, pronipote, si crede, di un altro Bartolomeo Capra, dal 1414 al 1433 Arcivescovo di Milano.

Come si presentava a quell’epoca il “Palazzo”? Un contratto di affitto proprio del 1540 lo descrive nel modo seguente: “sedimine uno o sedimini diversi, parte da nobile e parte da massari e da pensionanti, con suoi edifici, camere, cassina, sale, corti, aree, orti e peschiera, giardino”. L’uso era quindi diversificato, con alcuni locali riservati al locatore e altri ai contadini suoi dipendenti. Ai Conti Capra nel Seicento subentrano nella proprietà i Marchesi Clerici, tra i più ricchi di Lombardia e d’Italia, mecenati e committenti di artisti del calibro di Giovanbattista Tiepolo. Sotto di loro, di riflesso, il Palazzo, che ha una perfetta forma quadrata, vive forse i suoi giorni migliori, luogo di delizie e di villeggiatura nel verde della campagna alle porte di Milano; con la “peschiera”, formata da una derivazione della roggia Parazzola, che cinge la proprietà su due lati e ne fa una “riviera” ambita, quasi un’attrazione turistica, oltre che una preziosa riserva di pesca.

Dopo i Clerici, nell’Ottocento i proprietari diventano i Roveda, poi i Vittadini, e nel 1886 Enrico Mora, che al Palazzo lascia il proprio nome. La forma dell’edificio ha ormai assunto l’aspetto attuale, a ferro di cavallo, affacciato sulla piazza comunale, accanto alla chiesa. Il 18 novembre 2003 Liliano Mora, nipote di Enrico, accoglie le sollecitazioni dell’allora sindaco Ottavio Carparelli e della Giunta municipale e cede l’immobile al Comune. La grande sensibilità delle parti in causa, la buona volontà reciproca, hanno reso possibile il raggiungimento di questo obiettivo, lungamente atteso dalla cittadinanza. Sbrigate le complesse formalità burocratiche, reperiti finalmente i finanziamenti, a fine 2009 sono partiti i lavori, che la successiva neo “sindaca” Lidia Rozzoni ha continuato a seguire con attenzione ed entusiasmo fino all’imminente inaugurazione. Il progetto e la direzione degli stessi lavori sono stati affidati all’architetto Alberto Geroldi di Milano (autore inoltre delle bellissime immagini riprodotte su questa pagina). “È stato mantenuto - egli dichiara - il linguaggio architettonico originale riportando le aperture alla dimensione primitiva, conservandone tipologia di serramenti e imposte; sono stati invece introdotti due nuovi elementi caratterizzanti: una nuova porzione, con le funzioni di ingresso secondario e di distribuzione particolare e, sulla facciata principale, una doppia parete vetrata che ha funzioni di atrio a piano terra e disimpegno al piano primo per meglio utilizzare lo spazio esistente”. I risultati sono adesso sotto gli occhi di tutti: un complesso di edifici tornati all’antico splendore, in cui la tradizione si è “sposata” all’innovazione; si sono salvaguardate le preesistenze architettoniche di pregio, innestandovi soluzioni tecniche di avanguardia - per esempio l’acciaio e le mega-vetrate di cristallo sulla fronte -, non trascurando l’estetica. Motivo per me di particolare soddisfazione è stato lo svelamento, nell’ala occidentale, di una mastodontica stupenda colonna in granito che era stata murata e occultata alla vista in epoca imprecisata, ma di cui io avevo trovato traccia su documenti del Settecento, segnalando nel volume anzidetto.

Sistemati i fabbricati, in un secondo tempo, finanze permettendo, occorrerà intervenire appieno sul retrostante ampio giardino, in modo da renderlo anch’esso interamente fruibile dalla popolazione. Già ora però, questo “nobile” comparto di Pantigliate, come si diceva all’inizio, è motivo di somma soddisfazione per tutti quanti; a chi si è prodigato a vario titolo per la sua realizzazione e valorizzazione, per il riuso a fini sociali e politico-amministrativi, credo debbano andare i migliori, unanimi apprezzamenti.

Prof. Sergio Leondi

San Valentino, scopri l'oroscopo dell'amore

Leggi l'oroscopo di San Valentino e scopri cosa hanno prenotato i tuoi astrologi..
14 febbraio 2018
Ornella Muti (9 marzo 1955) - Attrice italiana

Pesci, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017
Valentino Rossi (16 febbraio 1979) - Motociclista italiano

Acquario, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017