Referendum, nei comuni con i redditi più alti, ha vinto il SI; giovani e persone in difficoltà hanno scelto il NO

Il Partito Democratico sempre di più rappresentante del ceto medio che vive in simbiosi con i poteri forti

Un seggio a Peschiera

Un seggio a Peschiera La fase dello spoglio

Il nuovo socialismo mondiale di Merkel Junker e anche di Renzi

Il dato che deve far riflettere è l‘alta partecipazione al voto registrata ai seggi,  sicuramente favorita dalla scelta felice della data, ma in parte dalla voglia di partecipazione dei giovani, che con maturità e senso civico hanno decretato che non sono le regole del gioco da cambiare, ma i giocatori. Al contrario dei meno giovani che hanno  creduto nella riforma Boschi. In provincia di Milano controtendenza con altri capoluoghi dove la forbice è stata ampia, il No ha vinto per poco, ma è singolare come nei comuni più ricchi della provincia come Milano, Basiglio, Segrate, San Donato Milanese, Arese, abbia vinto il Si se pur con minime lunghezze. Il DDL Boschi e l’azione di governo di Renzi,  hanno convinto di più, chi ha la pancia piena.
Man mano che il reddito imponibile scende, la forbice fra il No e il Si si incrementa a favore del primo.
Perfino nella rossa Sesto San Giovanni dove regnava la classe operaia che ora vive l’incertezza della disoccupazione, la voglia di rimandare al mittente la riforma è stata più forte dell’appartenenza politica storica. Infatti ha vinto il No con una forbice di circa il 10%. È lampante che il Partito Democratico non rappresenta più le classi proletarie, anche se è nato sulle ceneri del PCI e della sinistra della Democrazia Cristiana, oggi, il partito che detiene indubbiamente la maggioranza relativa del paese, rappresenta quella che una volta era la middle class. Il ceto  che occupa una posizione intermedia nella distribuzione della ricchezza, del potere e del prestigio in una società, ma che in questo caso dipende esclusivamente dell’esistenza del potere stesso,  utilizzato per interessi di bottega e non certo per aiutare i cittadini in difficoltà che vedono sempre di più incrementare la distanza fra loro, e quello che per loro, oggi, è il miraggio della stabilità economica, per le proprie famiglie. Un middle class che si è lasciata affascinare dalla politica di Matteo Renzi che ha archiviato il comunismo e ha promesso  loro il paradiso in terra, sulle orme del nuovo socialismo mondiale rappresentato così bene dalla Merkel e da Junker. Ma si sa, il paradiso non è per tutti, per il popolo esiste solo l' inferno della quotidianità.  Semplificando: se non hai problemi economici, se riesci a garantire il futuro ai tuoi figli attraverso un ciclo di studi completo e magari privato, se lavori in un settore che dipende direttamente dal potere finanziario, banche, assicurazioni, grandi industrie, oppure sei un professionista che per il suo reddito dipende dagli incarichi di enti pubblici e partecipate,  e il tuo unico problema è dove andare a fare la settimana bianca, probabilmente sei un elettore del PD. 

Giulio Carnevale

San Valentino, scopri l'oroscopo dell'amore

Leggi l'oroscopo di San Valentino e scopri cosa hanno prenotato i tuoi astrologi..
14 febbraio 2018
Ornella Muti (9 marzo 1955) - Attrice italiana

Pesci, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017
Valentino Rossi (16 febbraio 1979) - Motociclista italiano

Acquario, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017