No all'intervento armato, la soluzione per la Siria è solo diplomatica

Un intervento che duri al massimo novanta giorni e che non preveda lo schieramento di truppe di terra; è questo l'accordo raggiunto al Senato degli Stati Uniti sul piano di attacco alla Siria presentato dal presidente Barack Obama. Prospettiva che non piace a molti, non piace alla Russia, che non ha mai fatto mistero di voler evitare un intervento in Siria e per intervenire chiede che ci sia l'approvazione dell'Onu.

Io penso che la via di soluzione dei problemi della Siria non può essere quella dell’intervento armato. La situazione di violenza non ne verrebbe diminuita, anzi, c’è il rischio che deflagri e si estenda ad altri Paesi. Il Medioriente, non da oggi, è una polveriera e il conflitto in Siria potrebbe esplodere in una guerra di dimensioni mondiali. L`alternativa non può essere che quella della ragionevolezza, delle iniziative basate sul dialogo e sul negoziato. Occorre praticare la strategia dell`incontro e del dialogo, queste sono parole sempre ripetute in queste occasioni, ma l'umanità non ha ancora rinunciato alla guerra. Anzi, ancora una volta, viene presentata come l'unica opzione possibile per mettere fine a un conflitto. Ma la storia ha dimostrato che non è così. L'abbiamo visto in Iraq, in Afghanistan, in Libia: le guerre hanno solo alimentato altra violenza e ancora oggi i civili continuano a morire ogni giorno. Inoltre bisogna considerare che nei conflitti un gran numero di vittime sono bambini, donne e uomini inermi. Abbiamo già avuto l’esperienza che la guerra è sempre l'opzione più disumana, e inutile. È necessario che Nazioni come l'Italia rifiutino l'intervento armato e si impegnino invece per chiedere alla comunità degli Stati l'immediato intervento diplomatico, l'unica soluzione ammissibile, l'unica in grado di costruire un processo di pace che abbia come primo obiettivo la tutela della popolazione siriana. L'umanità può ancora decidere di rinunciare alla guerra: difendere e praticare i diritti umani fondamentali basati sul rispetto reciproco è l'unico modo per costruire le basi per una convivenza pacifica tra i popoli. Ma servirebbero, da ambo le parti, uomini illuminati.
Tutti i vizi di tutte le età e di tutti i paesi del globo riuniti assieme, non eguaglieranno mai i peccati che provoca una sola campagna di guerra - Voltaire
Moreno Mazzola
moreno.mazzola@tin.it