page contents

Stefano Menegale

Tra le sue numerose collaborazioni, Menegale attualmente è anche maestro concertatore e direttore di un suo ensemble, che si chiama “Gli apprendisti stregoni”. “Il nostro repertorio – aggiunge il giovane – spazia dal classico alla musica di Walt Disney. Eseguiamo anche spiritual, gospel e colonne sonore di film”. Nell’edizione 2006 del Concorso internazionale per giovani direttori d’orchestra Franco Capuana, si classificò secondo senza tuttavia l’assegnazione del primo premio. Al suo lavoro di artista Menegale affianca anche l’attività didattica: al conservatorio Verdi è docente di world music in qualità di direttore d’orchestra e preparatore dei cantanti per il musical. Insegna anche nella Scuola delle Tre Arti, che ha sede nella stessa frazione dove risiede. Al 2007 risale invece la sua nomina come alto maestro del coro delle voci bianche del Teatro sociale di Como.
“Ho avuto anche l’onore di lavorare come assistente in occasione della tournèe mondiale dell’opera “Così fan Tutte”, con la regia del grande Giorgio Strehler e la direzione di Ion Marin”. Ha collaborato anche con Franco Zeffirelli come artista del coro. “Ha più di ottant'anni e si regge sul bastone, ma quando dirige ha la freschezza di un ventenne" così Menegale ricorda Zeffirelli quando è andato a trovarlo in occasione di una prova di insieme di Aida. "Con Franco - racconta il giovane artista - ho collaborato come assistente e direttore del coro nella Bohème di Puccini, che tra l'altro è uno dei miei autori preferiti, andata in scena alla Scala. Anche in quell'occasione si è dimostrato un grande artista, ma soprattutto una persona con molta umiltà, disposta ad ascoltare tutte le opinioni". Una collaborazione proficua quella di Menegale con i principali teatri di Milano: con l'opera "Così fan tutte" seguì Strehler e Il Piccolo in una tournè mondiale che l’ha portato persino in Giappone. Per il piccolo schermo, invece, Menegale conduce Il Giardino dei girasoli in onda su Italia 1 tutti i giorni nella fascia ragazzi.

Lorenzo Invernizzi