«Traffico sulla Paullese, troppa confusione, occorre documentare il traffico, per ottenere alla conferenza dei servizi soluzioni efficaci»

Un lettore scrive a 7giorni e lancia una proposta con lo scopo di realizzare un sistema dove il traffico veicolare possa fluire senza problemi

Leggo a pag. 7 di un recente 7giorni (N.d.R. edizione cartacea del 7 giugno 2017) il dibattito relativamente al discorso traffico/Paullese e constato che c’è molta confusione relativamente alle soluzioni anche perché evidentemente si “tira” a farne un dibattito politico. Il problema non è “inventarsi” corsie preferenziali che non si possono fare ma bensì realizzare un sistema per cui il traffico veicolare possa fluire senza problemi verso e da Milano. Stante che il traffico si blocca in due punti perché ci sono attraversamenti semaforizzati occorre indispensabilmente eliminare questi attraversamenti  Presso Città Metropolitana si sta concretizzando l’idea che non sarà possibile realizzare il prolungamento della M3 fino a Paullo sia per motivi di costo sia per ipotesi di non sufficiente utilizzo della tratta, che non giustificherebbe la spesa. Non vale neppure l’idea di fare una corsia preferenziale (DOVE ?).  Se potessimo dimostrare che la spesa indiretta dell’intasamento e la quantità di persone coinvolte dovrebbe giustificare una soluzione (magari alternativa) si potrebbe presentare i fatti alla conferenza dei servizi che potrebbe valutare le soluzioni possibili.

Ipotesi di soluzioni possibili e decisamente meno care del costo della metropolitana (o altra soluzione viabilistica peraltro impossibile) potrebbero essere un ponte che scavalchi la Paullese da via Fiume Lambro a Peschiera in via II giugno di S. Donato (che sia un ponte oppure un sottopasso poco cambia) mentre altra soluzione potrebbe partire da Via Roma (dietro la Galleria) per raccordarsi (con un ponte che scavalchi il Lambro) a via Gela o via per Monticello, oppure altra via praticabile che sia tecnicamente possibile anche perché si entra in un territorio protetto dove occorrerebbero autorizzazioni. Esistono già strade parziali che vanno e vengono da quella direzione che potrebbero essere allungate fino a via Monticello anche per raggiungere l’Ospedale

Quanto sopra permetterebbe di chiudere l’attraversamento della Paullese in località Rossopomodoro ed anche l’attraversamento da via Paullo Peschiera a via A. Moro di S. Donato ed il traffico fluirebbe senza alcun ostacolo fino all’autostrada ed a Milano in entrambi le direzioni con tutti i vantaggi anche per chi da Peschiera e dintorni deve andare a S. Donato. Attualmente possiamo vedere che tantissimi automobilisti percorrono la vecchia Paullese ed altre vie possibili per non incappare nella mastodontica colonna, quasi ferma, con evidenti danni viabilistici per i comuni interessati

Il problema non è collegare fantasiosamente le località che possono interessare al commercio o alle elezioni ma risolvere velocemente il problema della Paullese. Il ponte di Segrate in zona luna park è stato costruito velocemente e funziona benissimo. Si parlerebbe mesi e non di anni, molti anni e se non si comincia da qualche parte non si arriverà mai a una soluzione

Bozza di ipotesi di monitorizzazione del traffico sulla Paullese

Si tratta di realizzare un ampio servizio fotografico, su base volontaria, per dimostrare l’intasamento della Paullese al mattino verso Milano ed alla sera in senso contrario da utilizzare in vari modi per documentare la situazione a chi questo problema non vede perché ”lontano” fisicamente e metaforicamente.

Occorrerebbe posizionarsi in 5 località per monitorare la densità e velocità (molto scarsa) veicolare ai fini di dimostrare la situazione e proporre alternative che possano influire sulla fluidità del traffico per risparmiare tempo, consumi vari (carburante, olio ecc.) emissioni velenose o comunque dannose per i guidatori e gli abitanti in zona, rumore, tutti costi diretti ed indiretti, per adeguarsi ai canoni di obbligo di diminuzione dell’inquinamento come prescrive la Comunità Europea , particolarmente grave nel milanese ed in lombardia tanto che ci si attende una lettera di Procedura di Infrazione per inquinamento costante.

Le posizioni previste sono : 1) sopra all’imbocco del tunnel sottopasso di Pantigliate 2) sopra all’imbocco del sottopasso di Peschiera Borromeo 3) sul passaggio pedonale soprelevato in via S. Francesco d’Assisi o sull’altro esistente 4) l’imbocco della rotonda di via G. Di Vittorio 5) l’incrocio di via Gela (rossopomodoro). Foto ogni 10 minuti (con data e ora) per un totale di circa 75 foto.

Da informazioni provenienti da terzi sembra che il traffico cominci ad addensarsi verso le ore 6,30 per incrementarsi molto fino alle ore 8 circa e raggiungere una condizione normale dopo le 8,30/9 pertanto sarebbe utile che i volontari siano organizzati per iniziare i rilevamenti fotografici a partire dalle ore 6,30 fino alle 9,00.

Roberto Zerbini

Chi volesse mettersi in contatto con Roberto per aiutarlo a  svolgere il progetto, invii una e-mail a redazione@7giorni.info con in oggetto: “Rilevazione traffico Paullese”  e i propri contatti.