page contents

San Giuliano: la maggioranza di governo perde 2 pedine

L’assessore ed ex vicesindaco Rosario Zannone lascia la Giunta a sorpresa; il consigliere Domenico Sgroi rinuncia alle deleghe

Il municipio di San Giuliano

Il municipio di San Giuliano

L’Amministrazione alla guida di San Giuliano in questi giorni è alle prese con una potenziale mini-crisi, a causa della defezione di 2 componenti che hanno deciso di lasciare i rispettivi incarichi amministrativi. Il primo elemento a lasciare l’esecutivo sangiulianese è stato Rosario Zannone, assessore a Commercio, Attività produttive e Expo 2015, ma le motivazioni della sua decisione sono tutt’ora avvolte nel mistero. Nei giorni scorsi, infatti, Zannone si è limitato a ratificare il suo abbandono per mezzo di poche sintetiche righe protocollate in Comune, senza tuttavia aggiungere chiarimenti in merito. All’epoca dell’insediamento dell’Amministrazione Lorenzano, nel 2011, Zannone era stato insignito degli incarichi di vicesindaco e di assessore con una serie di deleghe tra cui, oltre al Commercio, anche quella ai Lavori Pubblici. 
Nel corso di successivi assestamenti di Giunta, poi, il ruolo di vicesindaco era passato a Gennaro Piraina, mentre i Lavori Pubblici a Mario Oro. Allo stato attuale non è dato sapere chi occuperà la poltrona lasciata vacante da Zannone, i cui incarichi sono tornati momentaneamente in capo al primo cittadino. Una ulteriore defezione, giunta a stretto giro da quella di Rosario Zannone, è stata inoltre quella di Domenico Sgroi, consigliere eletto tra le fila dell’Udc e assegnatario delle deleghe a Realtà sportive e Organizzazione di eventi con risvolto sociale. In questo caso, Sgroi ha annunciato il suo abbandono rivolgendo una aperta nota polemica all’indirizzo dell’Amministrazione, sostenendo di non essere mai stato realmente ascoltato in merito ad una serie di problematiche di sua competenza, come il rinnovo degli accordi con le realtà sportive sangiulianesi. 
Redazione Web