Per essere belli e sani nel tempo bisogna difendersi dai radicali

Nei processi d’invecchiamento giocano un ruolo primario i radicali liberi, frammenti di molecole molto instabili, che hanno origine nell’organismo sia per i normali processi metabolici, ma anche a causa di fattori esterni come l’alimentazione, fumo di sigaretta, inquinamento, radiazioni, e tanti altri fattori che portano a un elevato stress ossidativo con il risultato di un precoce invecchiamento cellulare.
Per aiutare il nostro organismo a difendersi da questi agenti cattivi il primo passo è una sana e corretta alimentazione, naturale e varia, tale da coprire i fabbisogni di tutte quelle sostanze utili a contrastare il precoce invecchiamento cellulare.
Da vari studi è emerso che non è la singola vitamina o il singolo oligominerale, come ad esempio il selenio, che danno un effetto benefico, bensì la combinazione di più elementi che si trovano allo stato naturale, questo vuol dire che molto spesso si utilizzano integratori senza sapere che sono inutili in mancanza di una precisa indicazione medica.
Ecco i gruppi d’alimenti con maggior presenza di antiossidanti:
n  cereali integrali (pasta, riso, pane, farine, cereali per la prima colazione, fette biscottate e grissini) che  sono più grezzi rispetto a quelli non integrali in quanto hanno subito meno lavorazioni di raffinazione, restando più vicini al prodotto di partenza maggiormente ricco di sostanze antiossidanti
n legumi da assumere con la buccia in cui sono presenti la maggior parte delle sostanze antiossidanti
n verdura e frutta, tra le verdure scegliere quelle più verdi e molto colorate, fanno eccezione alla regola aglio, cipolla, porro e scalogno che pur non essendo molto colorate hanno ottimi livelli di antiossidanti, da consumare preferibilmente crudi in quanto con la cottura perdono buona parte delle loro proprietà. La frutta è meglio che sia quella di stagione, preferire quell’acidula e molto colorata, vanno bene anche spremute di frutta fresca  e non succhi di frutta o bevande di frutta conservata
n oli vegetali (olio di oliva extra-vergine, mais, girasole e soia) con spremitura a freddo, conservarli lontano da fonti di calore e dalla luce, ideali sarebbero bottiglie di vetro color bruno
n semi oleosi (noci, mandorle e pinoli) senza aggiunte di zuccheri o quant’altro.
n pesci di acque fredde (sardine, sgombro, aringhe, salmone e merluzzo) ricchi di acidi grassi essenziali della serie omega-3
n  il tè verde presenta elevate quantità di catechine tali da renderlo più antiossidante di quello nero
n erbe aromatiche e spezie (zenzero, timo, salvia, origano e rosmarino)
n  nella scelta del vino meglio quello rosso, in quanto ha un potere antiossidante di circa il doppio rispetto a quello bianco, non superare comunque un bicchiere per pasto, bere invece tanta acqua nell’arco della giornata.
In definitiva, una tavola ricca di colori, garantisce l’apporto di diverse tipologie di composti antiossidanti in grado di ridurre i segni del tempo.

inserto mensilea a cura di:

del dott. Dario Bertolotti
dietista
dario.bertolotti@alice.it