Da San Felice a Milano in bici lungo la nuova ciclabile

Un cittadino ha provato la nuova pista ciclabile che porta all'Idroscalo

Chiusi a fine luglio, come previsto, i cantieri Brebemi in territorio segratese – restano solo da ultimare poche opere – ecco arrivare le prime segnalazioni  da parte degli utenti. Riportiamo alcune interessanti e utili osservazioni, pubblicate sul sito del quartiere segratese di San Felice, di un cittadino P.P. che ha provato il nuovo percorso ciclabile da San Felice in direzione Milano. Ecco le note: «Incuriosito dalle novità in materia di viabilità, ho deciso di recarmi a Milano in bici, come faccio di solito, tempo permettendo, utilizzando la nuova pista ciclabile che ci collega all'Idroscalo. Ciò in alternativa al mio percorso abituale, via Ponte degli specchietti e pista che viaggia accanto alla ex dogana di Segrate. Ecco le mie impressioni che, forse, potrebbero risultare utili anche per altri. Manca completamente ogni segnaletica, ma spero che provvederanno presto; questo comporta un qualche rischio perché, ad esempio, arrivati alla pista che circonda l'Idroscalo, all'altezza del centro velico, ci si trova inopinatamente su un tratto stradale che usano le auto per andare a parcheggiare e per di più si è anche contromano. In questo punto, massima attenzione: la passerella che consente di scavalcare la strada dell'Idroscalo è impervia e probabilmente “impedalabile” per la maggioranza dei ciclisti a causa della sua pendenza. Niente paura, si cambia disciplina sportiva e si passa dal ciclismo alla “discesa libera”, trenta metri a piedi e si e arriva in vetta. Da lì, tra l'altro, si gode un magnifico panorama, con una visione insolita dello straordinario capolavoro di Njemeier, la Mondadori. Il percorso è ben asfaltato ma ci sono dei tratti da finire, con tombini che sporgono e che possono esser pericolosi. Fa molta impressione viaggiare in bici a un metro dalla Rivoltana, le auto sfrecciano nei due sensi a velocità autostradale, ma il muro di protezione che separa la pista dalla strada sembra solido. Il primo pericolo, però, da sempre, si trova già all'uscita da San Felice. Gli oleandri che fanno da spartitraffico, infatti, seppur bellissimi, coprono completamente la visuale del ciclista e dell'automobilista che arriva da Milano. Ci sono le strisce pedonali che danno la precedenza, ma se ti becchi un'auto addosso, la precedenza conta poco. Massima prudenza; chi fa questo percorso, però, viene ripagato perché poi la pista ciclabile intorno all'Idroscalo è un vero paradiso, tutta ombreggiata da grandi platani. Per proseguire per Milano, merita arrivare al semaforo prima dell'aeroporto, attraversare il quartiere di Novegro, riprendere la via Corelli sulla quale si incontra poi una nuova ciclabile dal Forlanini in avanti. Per andare in viale Regina Margherita, la mia destinazione finale, ci ho messo 55 minuti, più o meno lo stesso tempo che impiegavo passando dal Ponte degli specchietti. Ultima osservazione: in tutto il tratto della nuova pista ciclabile non ho incontrato nessun altro ciclista, meglio (per ora) non fare il conto del costo per utente della nuova pista».

San Valentino, scopri l'oroscopo dell'amore

Leggi l'oroscopo di San Valentino e scopri cosa hanno prenotato i tuoi astrologi..
14 febbraio 2018
Ornella Muti (9 marzo 1955) - Attrice italiana

Pesci, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017
Valentino Rossi (16 febbraio 1979) - Motociclista italiano

Acquario, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017