In Regione presentata la nuova proposta di legge sulla Polizia Locale firmata S. Maullu

Il ruolo fin qui condotto dalla Polizia Municipale di Milano nel contrasto dell’immigrazione irregolare, pari a quello svolto ad esempio a Brescia e Bergamo, potrà finalmente trovare il rilievo istituzionale che merita».  Stefano Maullu, Assessore alla Protezione civile, Prevenzione e Polizia locale della Regione Lombardia, ha introdotto le novità presenti nella proposta di legge “Disciplina del servizio di Polizia locale regionale e politiche integrate di sicurezza urbana” da lui presentata in Giunta durante questa settimana.
«Regione Lombardia - prosegue Maullu - vuole sostenere una trasformazione del ruolo delle Polizie locali per elevare i livelli di efficienza, efficacia ed economicità del servizio erogato ai cittadini lombardi. La nuova legge prevede, tra gli altri, la creazione di un dipartimento problemi del territorio che, in collaborazione con gli enti locali e le forze di polizia dello Stato, coordina il monitoraggio degli insediamenti abusivi e le situazioni di criticità territoriale sovracomunali e in particolare contribuisce a sviluppare efficaci azioni per il contrasto dell'immigrazione clandestina e svolge attività di ricerca, informazione sui fenomeni di criminalità e degrado urbano e monitora nel suo complesso il fenomeno migratorio all’interno del territorio regionale. Una collaborazione più ampia ed energica tra tutti gli attori in gioco, per definire su base regionale un’unica strategia operativa».
Dai dati regionali emerge che in Lombardia vive il 23,3% degli stranieri presenti in Italia e che rispetto al 2001 le presenze sono triplicate. Gli stranieri iscritti alle anagrafi dei comuni lombardi sono oltre il milione di unità. Sono aumentati soprattutto i cittadini neo-comunitari e dell’Est Europa, in particolare i moldavi e gli ucraini. Gli immigrati europei sono quindi aumentati maggiormente, seguiti da popolazioni provenienti dall’America, dall’Asia, dall’Africa, mentre sono diminuite le presenze di immigrati dall’Oceania. La popolazione più numerosa in termini assoluti è quella rumena, con 118 mila presenze. E Milano ha raggiunto, come spiegato questa mattina da una nota di Palazzo Marino, quota 200 mila presenze di immigrati irregolari. Si stima che gli irregolari rappresentino una quota che varia tra il 15 e il 20% del totale. Ma ancora nel 2009 abbiamo purtroppo registrato un 54% degli arrestati in Provincia di Milano, dato che si impenna nel capoluogo, che appartiene alla categoria degli soggetti extracomunitari, regolari e non.
«Il problema della relazione tra immigrazione, soprattutto irregolare, e criminalità persiste con gravi ricadute sulla sicurezza in Lombardia. Un maggior coordinamento tra enti locali, forze dell’ordine e Regione Lombardia può sicuramente creare i presupposti per una maggiore forza di contrasto. Si rende comunque necessario – conclude Maullu – ipotizzare la creazione di nuovi CIE - Centri di identificazione ed espulsione, ndr -  e procedere più speditamente ai processi e alle espulsioni. Ogni azione, come è sempre più evidente, non può restare isolata dal resto delle strategie. La sicurezza, come spesso ripeto, non può aspettare».

San Valentino, scopri l'oroscopo dell'amore

Leggi l'oroscopo di San Valentino e scopri cosa hanno prenotato i tuoi astrologi..
14 febbraio 2018
Ornella Muti (9 marzo 1955) - Attrice italiana

Pesci, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017
Valentino Rossi (16 febbraio 1979) - Motociclista italiano

Acquario, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017