Milano: multe in calo grazie ai nuovi autovelox

La flessione delle contravvenzioni per superamento della velocità è pari al 36%. Il record è 164 Km/h sul cavalcavia del Ghisallo

Autovelox

Autovelox Con i 10 nuovi dispositivi le contravvenzioni sono calate del 36%

La polizia locale di Milano ha reso noti i dati relativi all’esercizio dei 10 nuovi autovelox introdotti a partire dallo scorso marzo in città (cavalcavia del Ghisallo, via Palmanova, viale Fermi, viale Famagosta, via Parri, via dei Missaglia e via della Chiesa Rossa). Nello specifico, sono stati presi in esame i primi 50 giorni di funzionamento, dal 10 marzo al 28 aprile, poiché gli agenti hanno dovuto controllare una per una le foto scattate dagli apparecchi, escludendo quelle a forze dell’ordine e veicoli di soccorso. I dati emersi si sono rivelati incoraggianti. Se infatti, nella settimana dal 16 al 22 marzo, la media giornaliera era stata di 9.172 multe, dal 10 marzo al 28 aprile la media giornaliera è scesa a 5.830, con un significativo -36,4%. Restano comunque alte le velocità medie tenute dagli automobilisti, sebbene non siano più stati riscontrati i picchi di 191 chilometri orari tenuti lo scorso marzo. Il record di velocità registrato ad aprile è stato di 164 Km/h sul Ghisallo, seguito dai 152 Km/h in viale Palmanova e dai 145 Km/h in via Fermi, dove il limite è di 70 Km/h. «I dati confermano quanto previsto – ha dichiarato Marco Granelli, assessore milanese a Sicurezza e Polizia locale - , ossia il calo fisiologico del numero delle violazioni già a partire dalla terza settimana dalla collocazione dei sistemi di controllo della velocità. Continua però a essere troppo alto il numero delle infrazioni per la sicurezza in queste strade urbane e soprattutto resta troppo alta la velocità dalle auto. È necessario mantenere alta la soglia di allarme».
Redazione Web