Quando il “sano agonismo” aiuta a crescere

Si tratta della Polisportiva Olimpia, emersa anche grazie alle coinvolgenti lezioni di pallavolo, attualmente condotte dalle allenatrici Maura e Federica. È proprio Federica Simone, di 20 anni, già ex allieva della società, a illustrare la filosofia della Polisportiva Olimpia: «Ci prefiggiamo come regola di base una attività sportiva consapevole e promuoviamo quello che viene definito “sano agonismo”, rispetto dell’avversario. Crediamo che lo sport possa insegnare molti valori della quotidianità e possa aiutare a crescere».

Federica, ci presenteresti la squadra di volley della Polisportiva Olimpia?
La nostra squadra è composta da nove energiche ragazzine tredicenni (Carlotta, Giulia, Rebecca, Francesca, Valeria, Matilde, Alessia, Martina ed Erica). Io e l’altra allenatrice, Maura, abbiamo preso a cuore questa squadra e siamo contente del feeling che si è instaurato tra le ragazze e noi. Le giocatrici formano un gruppo compatto, tanto che, oltre a essere compagne di classe (la maggior parte), spesso si frequentano anche fuori dalla palestra. Sono cresciute insieme e stanno crescendo anche a livello di squadra; inoltre, un gruppo formidabile di genitori segue le ragazze e non smette mai di incoraggiarle.

Da giocatrice a istruttrice: qual è la sensazione?
Quest’anno è il primo in cui io e Maura alleniamo la squadra e, a dire la verità, per me è in assoluto il primo. Io ho iniziato a giocare proprio nella stessa palestra dove ora alleno e con la stessa società, l’Olimpia Pb. La ragazza che mi allenava è la stessa che ora allena con me, Maura, e ciò mi rende particolarmente felice. Essendo per me una nuova esperienza, il pensiero di allenare inizialmente mi rendeva agitata, ma con il passare del tempo è diventato sempre più semplice gestire la squadra, anche grazie all’aiuto di Maura. La mia “carriera”, se così si può chiamare, all’interno della società è un esempio per tutte quelle ragazze che vorrebbero in futuro potere allenare una squadra e temono che non sia realizzabile. Io ho iniziato a seguire l’anno scorso la squadra delle ragazzine che ora alleno, rendendomi utile come potevo; poi, quest’anno, inaspettatamente mi è stato proposto di affiancare l’allenatrice.

Quali risultati e riconoscimenti ha conseguito la vostra squadra, nel corso della stagione 2010/2011?
Quest’anno avevamo due obiettivi: il primo era quello di rinnovare la squadra, il secondo era quello di arrivare a vincere o perlomeno qualificarci in una buona posizione nel campionato primaverile. Devo dire che siamo riuscite a realizzare entrambi gli obiettivi: infatti, nel campionato invernale, la squadra si è messa in gioco attuando tutte le modifiche, tecniche e non solo, che abbiamo apportato io e Maura ed è cresciuta molto, sia a livello di gruppo, sia a livello individuale. Invece, nel campionato primaverile, siamo riuscite ad arrivare prime nel nostro girone e terze nella fase finale.

Cosa vi aspettate dalla prossima stagione pallavolistica?
Per l’anno a venire abbiamo intenzione di rafforzare nuovamente la squadra, magari con l’arrivo di nuove ragazze, sperando di giungere a vincere entrambi i campionati. A proposito: chiunque voglia avere maggiori informazioni relative alla squadra, può contattarmi al numero 334 3732294 o scrivendo una e-mail a:

f.simone3@campus.unimib.it

Novella Prestigiovanni