L’Italia, un Paese che deve ritrovare la libertà civile e politica

Se le libertà civili mirano al benessere dell’individuo, tuttavia esse non bastano a rendere libero l’uomo, infatti è necessario che tali conquiste siano garantite e mantenute dalle libertà politiche. Libertà civile: eguaglianza di tutti i cittadini di fronte alle leggi; libertà politica: eguaglianza della distribuzione del potere; libertà sociale: eguaglianza nella distribuzione delle ricchezze. L’eguaglianza è il principio ispiratore della nostra legislazione, in base a essa i cittadini devono venire presi in considerazione dalle leggi non per ciò che li distingue, ma per ciò che li accomuna, eliminando ogni criterio di discriminazione. Se questi sono comunemente considerati i principi di libertà, si ha difficoltà ad applicarli alla attuale situazione italiana. Nel nostro Paese vige una legge elettorale che contrasta fortemente con quanto scritto perché non è possibile esprimere la preferenza per un candidato, in quanto le liste sono scelte nel giro delle segreterie o imposte dal potentato di turno. Inoltre, la legislazione italiana ha operato negli ultimi anni con emanazione di legge ad personam, l’ultimo esempio è quella della prescrizione breve dove, rispetto alla rilevanza del delitto ascritto, ci sono due trattamenti diversi a seconda della storia penale dell’imputato. Il panorama politico vede una contrapposizione feroce tra gli schieramenti, dove prevale la logica del “o sei con me o sei contro di me”, inasprendo di fatto lo scontro politico invece del confronto. Occorre una nuova primavera politica dove gli interessi del singolo passino in secondo ordine rispetto agli interessi dei cittadini, dove ci sia morigerazione nelle spese della politica e nella molteplicità degli incarichi e sia profuso il massimo sforzo verso quelle situazioni che hanno un impatto sulle persone: disoccupazione, crisi economica, rilancio dell’economia.

moreno.mazzola@tin.it

“La libertà politica è una condizione preliminare del libero uso della ragione di ogni individuo” – Karl Popper