«Basta subire le prepotenze dei ciclisti, non rispettano il codice della strada e se osi riprenderli ti mandano a quel paese»

Un lettore scrive a 7giorni: «Sono degli incoscienti, maleducati e irrispettosi della libertà degli altri utenti della strada: passano col rosso, non danno le precedenze e soprattutto pedalano in gruppo occupando tutta la careggiata. Le forze dell’ordine non li sanzionano mai»

Gentile Direttore le scrivo perché ogni sabato mattina percorrendo la vecchia Paullese con la mia autovettura mi capita di incrociare un gruppo numeroso di ciclisti che praticano ciclismo su strada all’altezza di Peschiera Borromeo: qualche volta al semaforo di Piazza Lombardi e altre volte nei pressi di Mirazzano. Sono pericolosi e indisciplinati,  non rispettano i semafori rossi, non danno la precedenza se dovuta e soprattutto camminando in file parallele in completo sfregio del Codice della Strada. Occupano pericolosamente tutta la careggiata. Mi è capitato di chieder loro il rispetto delle regole, il rispetto del semaforo rosso: sono stato ricoperto di insulti e parolacce. Adesso, sono stufo di questa storia, prosegue da parecchio tempo e sembra proprio che le forze dell’ordine non abbiano intenzione di fare rispettare il CdS anche quando capita che li vedano mentre infrangono tutte le più palesi regole. Io dico basta a queste prepotenze. Chiedo a lei Direttore e alla redazione di 7giorni di sensibilizzare le Istituzioni affinché impongano il rispetto del Cds anche ai ciclisti, non ne sono esenti. In allegato vi trasmetto le foto che sono state scattate sabato 28 ottobre in via 2 Giugno a Peschiera Borromeo.
Lettera Firmata

4 commenti

epicuro :
Ma da quando al potere sono andati i pseudosinistrati, prima arancioni, poi renziani, hanno trovato la formula per risolvere tutti i problemi di mobilità, ovvero, la bicicletta. Invece di preoccuparsi di costruire metropolitane e/o allargare strade per renderle più scorrevoli e sicure, vogliono convincere tutti a salire sulla bicicletta con la motivazione ecoutopista che sono ecologiche, costano solo la fatica di pedalare. Peccato che le piste ciclabili, che oramai spuntano come funghi, costano e anche tanto, troppo, vien da pensare che dietro ci sia un certo magheggio. Però non tutti possono andare in bici, anzi ben pochi, giovani e forti.... finchè non sono morti per il solleone estivo o le broncopolmoniti invernali. Mi chiedo che attività svolgano certi ciclisti, visto che imperversano anche nei giorni feriali e non solo sulle strade secondarie, se ne incontrano anche parecchi nei tratti dove non ci dovrebbero proprio esserci, come il percorso tra la galleria di Pantigliate e lo sbocco sulla tangenziale, dei veri temerari. | domenica 29 ottobre 2017 12:00 Rispondi
Marco :
Posso dire che accusare tutti i ciclisti di non rispettare il codice della strada equivale ad accusare tutti gli automobilisti, tutti i motociclisti e tutti i perdoni? Purtroppo la meleducazione e l'arroganza non dipendono dal mezzo che si conduce. Inutile e deleterio fare una battaglia di categoria- | lunedì 30 ottobre 2017 12:00 Rispondi
Sallustio :
O mamma che problema, il lettore dovrebbe essere al corrente che: 1 è consentito il transito in file doppie secondo art. 182 cds in centri abitati (mi sembra che il tratto in questione sia tale) 2 scattare foto alla guida di veicoli (a meno che non sia da dashcam o foto fatta da passeggero) non è consentito dalla legge. Eh sì, sono proprio incoscenti a pedalare in cittadine dove automobilisti hanno pregiudizlali verso certe utenze stradali fino a questo livello. Caro lettore, fatti un bel giro in Brianza che forse ti passa il mugugno. | martedì 31 ottobre 2017 12:00 Rispondi
epicuro :
Anzitutto riportiamo per intero l'articolo citato: "Art. 182. Circolazione dei velocipedi. 1. I ciclisti devono procedere su unica fila in tutti i casi in cui le condizioni della circolazione lo richiedano e, comunque, mai affiancati in numero superiore a due; quando circolano fuori dai centri abitati devono sempre procedere su unica fila, salvo che uno di essi sia minore di anni dieci e proceda sulla destra dell'altro." Dalla foto si evince che i ciclisti, come quasi sempre quando si muovono in gruppi numerosi, non procedono a coppie ma addirittura arrivano fino a metà carreggiata e da come si evince dalla tipologia della strada, che non ha una carreggiata abbastanza larga, di sicuro sarebbe stato pericoloso e di intralcio anche circolare accoppiati. Purtroppo in caso di incidenti, sarà per colpa dei media, sarà per convenienza politica o quant'altro, si da sempre la colpa all'automobilista a prescindere, conviene andare a leggere anche gli altri 9 commi del suddetto articolo, disattesi quasi sempre dai signori ciclisti. | giovedì 02 novembre 2017 12:00 Rispondi

San Valentino, scopri l'oroscopo dell'amore

Leggi l'oroscopo di San Valentino e scopri cosa hanno prenotato i tuoi astrologi..
14 febbraio 2018
Ornella Muti (9 marzo 1955) - Attrice italiana

Pesci, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017
Valentino Rossi (16 febbraio 1979) - Motociclista italiano

Acquario, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017