Milano, al via la campagna contro i mozziconi di sigaretta: ogni giorno 1 milione gettati a terra

Saranno distribuiti 1.000 “cenerini” agli esercizi commerciali e 5.000 posacenere tascabili. L'iniziativa realizzata da Amsa con il patrocinio del Comune

Carmela Rozza distribuisce i posacenere tascabili

Carmela Rozza distribuisce i posacenere tascabili

A Milano 80 tonnellate annue di mozziconi

La produzione di mozziconi di sigarette a Milano è stimata in circa 80 tonnellate all’anno. Secondo una indagine del 2017 realizzata dalla Doxa, il 19% dei milanesi fuma, consumando mediamente 9,9 sigarette al giorno e producendo così più di 4 milioni di mozziconi di sigarette, dei quali si stima che almeno il 25% vengano gettati a terra: ovvero oltre 1 milione ogni giorno. Parte da questi dati la campagna di informazione  “Milano sai quanto ti amo?”, realizzata da Amsa con il Patrocinio del Comune di Milano, volta sensibilizzare i cittadini sulla dispersione dei mozziconi nell’ambiente e stimolare comportamenti socialmente virtuosi tra i fumatori. Saranno distribuiti ai fumatori 5.000 posacenere tascabili insieme a una cartolina della campagna, mentre gli esercizi commerciali potranno richiedere gratuitamente il “Cenerino”, posacenere da esterno pensato appositamente per bar e ristoranti interamente realizzato in materiali riciclati, inviando una richiesta alla casella mail servizioclienti@amsa.it. Amsa ha eseguito una mappatura della presenza di mozziconi abbandonati a terra. I risultati evidenziano che alcuni punti sono particolarmente colpiti dal fenomeno: gran parte dei mozziconi viene gettato a terra in prossimità delle fermate dei mezzi pubblici (37%), seguono le strade commerciali più frequentate (24%), intorno alle panchine delle aree verdi di Milano (17%), gli incroci semaforici (10%), vie pedonali (8%) e gli ingressi delle scuole (4%). «In questi casi – spiega l’assessore alla Sicurezza Carmela Rozza - la prima cosa che conta è l'educazione e il rispetto. Mi rivolgo innanzitutto ai cittadini affinché siano loro i primi a richiamare chi butta la cicca di sigaretta per terra. Da fumatrice poi faccio un appello a tutti i fumatori affinché non diventino protagonisti di una incuria che grava su tutta la città». l’Amministrazione Comunale ha previsto controlli congiunti da parte della Polizia Locale e degli agenti accertatori di Amsa. Un compito non facile, perché chi butta la sigaretta deve essere colto sul fatto.
Redazione Web