Policlinico San Donato, l'accorata lettera delle ausiliarie a Paolo Rotelli

«Dacci l'opportunità di crescere e di migliorare, riqualificandoci, permettendoci di continuare a dare il nostro contributo come avrebbe di certo fatto tuo Padre!»

Il Policlinico di San Donato Milanese

Il Policlinico di San Donato Milanese

San Donato Milanese - «Ciao Paolo, chi scrive è una delle 28 ausiliarie che non ha firmato l'ipotesi d'accordo per finire sotto la cooperativa», così inizia la lettera diretta a Paolo Rotelli, presidente del gruppo ospedaliero San Donato, da parte di alcune lavoratrici del polo sanitario, che con il trasferimento di servizi e funzioni di pulizia e distribuzione dei pasti, saranno ritenute di troppo. Con il conferimento delle attività sopracitate a un ente esterno, il personale dipendente, che conta sessantasette addetti, ha deciso di firmare un’intesa sindacale per salvaguardare i propri posti di lavoro, passando alla cooperativa in arrivo. Di questi, però ventotto ausiliare hanno deciso di non sottoscrivere l’accordo, non sentendosi sufficientemente tutelate. «Volevo spiegarti – afferma la lettera - portando la voce di tutte le mie colleghe, il perché non abbiamo voluto accettare. La motivazione è semplice: noi vogliamo rimanere parte di ciò che vi abbiamo aiutato a costruire con la nostra collaborazione, il nostro lavoro, il nostro sacrificio, la nostra professionalità ma soprattutto col nostro cuore». Il documento prevederebbe la risoluzione del contratto con la modalità dell’auto-licenziamento, non offrendo però abbastanza sicurezze per un futuro di lavoro già da tempo precario. «Siamo persone semplici, che campano con uno misero stipendio, - continuano le ausiliarie - con un contratto scaduto da anni e scatti congelati da decenni, straordinari pagati al minimo e a volte nemmeno retribuiti, con doppi turni, riposi saltati e soldi che non bastano mai, così che spesso ci si trova a dover fare due lavori per campare e per crescere i figli con una vita dignitosa, ma nonostante tutto siamo sempre lì pronte a lavorare con l'orgoglio dentro di far bene le cose, perché ciò che facciamo rispecchia ciò che siamo e allora in questo orgoglio ci vantiamo di lavorare per San Donato, una delle cliniche più prestigiose d'Italia se non d'Europa; quell'eccellenza che tuo Nonno e tuo Padre hanno creato e che tu ora stai mettendo a rischio». «Dacci una possibilità! Dacci l'opportunità di crescere e di migliorare, riqualificandoci, permettendoci di continuare a dare il nostro contributo come avrebbe di certo fatto tuo Padre! Non chiediamo molto, vogliamo mantenere i nostri diritti acquisiti, perché con i diritti si ha la garanzia di proseguire con la sicurezza di poter dare anche ai nostri figli un futuro dignitoso dopo tanti sacrifici. Grazie».

San Valentino, scopri l'oroscopo dell'amore

Leggi l'oroscopo di San Valentino e scopri cosa hanno prenotato i tuoi astrologi..
14 febbraio 2018
Ornella Muti (9 marzo 1955) - Attrice italiana

Pesci, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017
Valentino Rossi (16 febbraio 1979) - Motociclista italiano

Acquario, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017