Francesco Facchinetti taglia il nastro alla prima Isola digitale per una città sempre più smart

Milano sempre più “smart city” grazie alle Isole digitali - nuovi spazi outdoor con servizi molto innovativi – presentate a Milano, a Palazzo Marino, lo scorso 14 ottobre nel corso di una conferenza stampa. Un progetto “strategico” per l’Amministrazione cittadina a costo “zero”, reso possibile grazie alla sensibilità sociale di importanti aziende - come A2a, Ducati Energia, Microsoft, Telecom Italia, Bee e Linear - che hanno contribuito sia con risorse finanziarie sia con servizi e all’aggiudicazione di un bando regionale nell’ambito del Programma Europeo di sviluppo Regionale (POR).

«Un esempio virtuoso di collaborazione tra pubblico e privato – ha dichiarato Cristina Tajani, Assessore alle Politiche per il Lavoro, in apertura conferenza – nell’offerta di contenuti e servizi a favore di una città più “intelligente” e aperta». Le isole digitali consentiranno ai cittadini e ai turisti di spostarsi, comunicare e informarsi in maniera intelligente e sostenibile. Le prime quindici, raddoppieranno entro febbraio 2014, sono vere e proprie aree che consentono l’accesso alla rete per essere sempre connessi, grazie al wi-fi gratuito e veloce, comodamente seduti su panchine dotate di colonnine per la ricarica di tutti i dispositivi elettronici. E non solo punti per connettersi, ma anche luoghi dove scoprire cosa accade in città: notizie del Comune di Milano, informazioni su mobilità, viabilità, trasporto pubblico e appuntamenti, accessibili grazie a un totem touch-screen con supporto multilingue per i tanti turisti presenti in città. «In previsione dell’Esposizione Universale - ha spiegato Piero Galli, General Manager per la Gestione Evento di Expo 2015, - sarà fondamentale strutturare e sviluppare una rete tecnologica di servizi all’avanguardia in grado di rispondere in maniera immediata e efficace alle necessità degli oltre venti milioni di visitatori attesi». Ma spazio anche alla mobilità intelligente. Ogni isola digitale, infatti, ospita una stazione per quadricicli elettrici biposto in condivisione – EQSharing - tutti a disposizione dei cittadini che potranno usufruirne attraverso una tessera annuale, mensile o settimanale. «A Milano – ha spiegato l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran in conclusione conferenza stampa – è in atto una rivoluzione dello sharing. In questo momento sono oltre 70mila le persone abbonate a sistemi di car e bike sarin. Un numero che è destinato a salire sempre di più grazie anche a questo nuovo servizio di quadricicli elettrici, uno strumento in più per chi vuole scegliere una forma di mobilità sostenibile». E non poteva certo mancare l’intervento di un partner sensibile e attento come Microsoft, «con la nostra tecnologia intendiamo contribuire all’evoluzione del tessuto urbano – ha spiegato Carlo Purassanta, Amministratore delegato di Microsoft Italia –, puntando a semplificare l’accesso ai servizi da parte dei cittadini e a migliorare il loro rapporto con la città. In questo modo, non solo Milano potrà esser considerata una delle metropoli più digitalizzate d’Europa, ma ci auguriamo possa ispirare tante altre città italiane». E a tagliare “simbolicamente” il nastro di una delle prime isole digitali – quella di Via Hoepli - non poteva che essere un personaggio “all’avanguardia”, Francesco Facchinetti, testimonial di prestigio a questo evento.
Cristiana Pisani

L'intervento di Pierfrancesco Maran a conclusione della conferenza stampa di presentazione delle Isole Digitali a Palazzo Marino

Francesco Facchinetti con Carlo Purassanta amministratore delegato Microsoft Italia

Francesco Facchinetti con Cristina Tajani, assessore alle Politiche per il Lavoro,  Sviluppo e Università e Pierfrancesco Maran assessore alla Mobilità e Ambiente. Nella foto, il totem touchscreen