Spino d’Adda: rapina a mano armata nella farmacia dell’ex sindaco Paolo Riccaboni

Uno sconosciuto con in pugno un coltello ha fatto irruzione nell’esercizio commerciale, facendosi consegnare l’incasso. Lo stesso Riccaboni lo ha inseguito a piedi ma questi è fuggito salendo sull’auto di un complice

Paolo Riccaboni, ex primo cittadino di Spino d'Adda

Paolo Riccaboni, ex primo cittadino di Spino d'Adda

In corso le indagini dei carabinieri di Pandino e del radiomobile di Crema

Attimi di paura presso la farmacia di proprietà dell’ex primo cittadino di Spino d’Adda, Paolo Riccaboni, che è stata fatta oggetto di una rapina ad opera di un bandito solitario armato di coltello. Il malintenzionato è entrato in azione attorno alle 11.30 di giovedì 2 febbraio quando presso l’esercizio commerciale di via Ungaretti, che peraltro figura come l’unico presidio farmaceutico del Comune, erano presenti alcuni clienti e le tre farmaciste dietro il bancone. L’uomo, che aveva il volto quasi completamente coperto da una sciarpa, si è fatto velocemente strada tra i presenti e, una volta raggiunto il registratore di cassa, ha estratto un coltello ed ha intimato alle dipendenti di consegnargli il denaro. Una volta impossessatosi del bottino, che ammontava a circa 2500 euro, lo sconosciuto ha guadagnato l’uscita a passi svelti mentre i presenti, riavutisi dall’iniziale smarrimento, hanno cominciato a chiedere aiuto. Il baccano ha attirato l’attenzione proprio dell’ex sindaco che, negli istanti della razzia, si trovava nel retrobottega. Riccaboni si è così precipitato all’esterno ed ha inseguito il ladro per alcune decine di metri, ma quest’ultimo è salito a bordo di una Volkswagen dove lo attendeva un complice e, insieme a lui, è partito a tutta velocità. A quel punto il titolare della farmacia non ha potuto fare altro che tornare sui suoi passi ed attendere l’arrivo delle forze dell’ordine, che nel mentre erano state contattate. Poco dopo in via Ungaretti sono giunti i carabinieri della stazione di Pandino, assieme ai colleghi del radiomobile di Crema ed alla polizia locale spinese che hanno avviato le ricerche dei fuggitivi, purtroppo senza molto successo. In tal senso, l’auspicio è che le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza possano fornire elementi utili alle indagini. «Esprimiamo la nostra vicinanza a Paolo Riccaboni e ai dipendenti della farmacia – ha commentato l’attuale sindaco di Spino, Luigi Poli -. Come amministrazione comunale, faremo il possibile per dare pieno supporto alle forze dell’ordine, perché individuino al più presto i responsabili di questo deprecabile episodio».  
Redazione Web