Regione, Provinciale Cerca: approvata all'unanimità una Mozione di Lucente (FdI) per renderla più sicura

Chiesta una collaborazione tra Enti per rendere la SP39 meno pericolosa, il sindaco di Mediglia e il sindaco di Tribiano presenti alla discussione per testimoniare la necessità di un intervento

A sinistra Franco Lucente con Paolo Bianchi e Roberto Gabriele

A sinistra Franco Lucente con Paolo Bianchi e Roberto Gabriele Alla discussione hanno assistito anche i sindaci di Mediglia e Tribiano

Rendere la Strada Provinciale 39 Cerca più sicura per il gran numero di automobilisti che, quotidianamente, la percorrono. È questo lo scopo della mozione presentata, e approvata all’unanimità, in regione Lombardia da Franco Lucente, capogruppo di Fratelli d’Italia, martedì 4 giugno. «La Strada Provinciale della Cerca – afferma l’ex sindaco di Tribiano - è ormai tristemente nota per la sua pericolosità, in particolare nel tratto che dalla Località Quattro Strade conduce alla rotonda di Dresano/Mediglia/Colturano. Numerosi lì sono stati gli incidenti, purtroppo anche mortali». Da qui la mozione, non senza una frecciatina nei confronti di Città Metropolitana: «La strada è di proprietà di Città Metropolitana, ma visto che non sta facendo nulla in proposito mi sono mosso io come consigliere regionale». La proposta è quella di impegnare la Giunta lombarda “affinché porti all’attenzione di Città Metropolitana la questione relativa alla sicurezza della Strada Cerca, nello specifico nel tratto di ingresso a Tribiano, con l’invito a valutare la possibilità di una rotonda”. Alla votazione erano presenti anche i sindaci di Mediglia, Paolo Bianchi, e di Tribiano, Roberto Gabriele, in prima linea per ottenere la messa in sicurezza della strada che passa dal loro territorio. Ma non è tutto. Come informa Lucente, infatti, Regione Lombardia ha aperto un bando per la messa in sicurezza delle strade, stanziando fondi destinati ai Comuni e alla Provincia. «Città Metropolitana è stata informata di questo bando mesi fa – conclude l’esponente di FdI - e mi auguro vivamente che abbia partecipato o che lo faccia entro il prossimo 5 luglio».
Il sindaco di Mediglia Paolo Bianchi non usa mezze misure conto l'immobilismo di Città Metropolitana: «Come al solito gli enti superiori hanno dovuto segnalare all’ente di mezzo - che una volta faceva da tramite quando era provincia, ovvero l’attuale Città Metropolitana - cosa si dovrebbe fare per risolvere i problemi della quotidianità ai cittadini. Un ente assolutamente inutile».

Redazione Web 

Iscriviti alla Newsletter settimanale di 7giorni, riceverai  le ultime notizie e il link dell'edizione cartacea in distribuzione direttamente nella tua casella di posta elettronica. Potrai così scaricare gratuitamente il file in formato PDF consultabile su ogni dispositivo   
La mozione presentata da Franco Lucente

La mozione presentata da Franco Lucente

La risposta dell'Assessore alla sicurezza Riccardo De Corato

Riccado De Corato

Riccado De Corato

«Faremo tutto il possibile per aumentare la sicurezza sulla strada provinciale 39»

Ringrazio il consigliere proponente perché questa mozione ci permette di mettere in luce un problema serio come quello della sicurezza stradale, su cui Regione Lombardia lavora in prima linea da tempo. Condivido le preoccupazioni evidenziate dal consigliere Franco Lucente e, per quanto di nostra competenza, faremo tutto il possibile per aumentare la sicurezza sulla strada provinciale 39, diminuendo i rischi e l’incidentalità stradale. Purtroppo, ci sono ben noti i numerosi fatti di cronaca che riportano diversi incidenti, anche mortali, avvenuti nel tratto di strada preso in considerazione dalla mozione. La strada ha, infatti, un’estensione di 15,3 km, nel 2017 ci sono stati 18 incidenti gravi, con 24 feriti ed un morto.

«Il gestore della strada "Cerca", è la Città Metropolitana di Milano»

Tuttavia, dobbiamo premettere che l’attivazione di interventi diretti sull'infrastruttura, come sottolineato anche dalla mozione stessa, non è concessa a Regione Lombardia, in quanto proprietario e gestore della strada provinciale 39, la strada "Cerca", è la Città Metropolitana di Milano, la quale detiene esclusiva competenza a disporre misure risolutive.

Un bando per il finanziamento di interventi per la messa in sicurezza

Certamente, l’Assessorato solleciterà la Città Metropolitana di Milano a porre in essere ogni iniziativa utile a ridurre l'incidentalità sul tratto stradale in questione, con particolare riferimento al citato ingresso di Tribiano, anche cogliendo l’opportunità del bando che Regione Lombardia, in attuazione della D.G.R. n. 1281/2019, ha indetto con decreto n. 3957 del 25/03/2019, pubblicato sul BURL S.O. n.13 del 28 marzo 2019, per il finanziamento di interventi per la messa in sicurezza della rete stradale lombarda, fra le quali anche opere infrastrutturali come rotonde e similari.

A tale linea di finanziamento possono accedere, oltre ai Comuni, anche le Province e, pertanto, la Città Metropolitana, come è stato illustrato durante l’incontro svoltosi in data 30 gennaio 2019 presso la sede regionale.

Nel 2017 sulle strade lombarde 33.522 incidenti stradali, 423 morti e 44.996 feriti

Gli ultimi dati che abbiamo a disposizione per quanto riguarda l’incidentalità stradale in Lombardia sono quelli del 2017. Nella nostra regione, si sono verificati 32.552 incidenti stradali che hanno causato la morte di 423 persone e il ferimento di altre 44.996. Rispetto al 2016, sono diminuiti sia gli incidenti (-0,7%) che i feriti (-1,0%), in linea con i dati nazionali (rispettivamente -0,5% e -1,0%); diminuisce anche il numero di vittime della strada (-2,5%) a fronte di un aumento del dato nazionale (+2,9%).

I costi sociali degli incidenti stradali quantificano gli oneri economici che, a diverso titolo, gravano sulla società a seguito delle conseguenze di un incidente stradale. Nel 2017 il costo dell’incidentalità con danni alle persone è stimato in oltre 17 miliardi di euro per l’intero territorio nazionale (287,8 euro pro capite) e in quasi 2,9 miliardi di euro (288,5 euro pro capite) in Lombardia; la regione incide per poco meno del 17% sul totale nazionale

Sulle strade milanesi il 42,7% di incidenti, il 77,8% degli incidenti su strade urbane

Le strade della città metropolitana di Milano sono caratterizzate dal maggior numero di incidenti (42,7% del totale regionale, 26,3% del totale nel solo capoluogo di regione). Nel 2017 il maggior numero di incidenti (25.319, il 77,8% del totale) si è verificato sulle strade urbane, provocando 217 morti (51,3% del totale) e 33.455 feriti (74,3%). Rispetto all’anno precedente i sinistri diminuiscono del 2,2% in ambito urbano, mentre aumentano dell’8,5% sulle autostrade e del 3,4% sulle strade extraurbane. Gli incidenti più gravi continuano ad avvenire sulle strade extraurbane (3,2 decessi ogni 100 incidenti) e sulle autostrade (2,0).

La maggior parte dei sinistri stradali avviene lungo un rettilineo, sia sulle strade urbane (42,7%) sia su quelle extraurbane (54,2%).

Questi dati devono far riflettere, quindi gli Uffici della Direzione Generale torneranno a rappresentare alla Città Metropolitana questa opportunità di partecipazione al bando sulla sicurezza stradale, a cui è ancora possibile accedere fino alle ore 12:00 del 5 luglio prossimo, data di chiusura del bando, finanziato con ben 8 milioni di euro in 3 anni.

San Valentino, scopri l'oroscopo dell'amore

Leggi l'oroscopo di San Valentino e scopri cosa hanno prenotato i tuoi astrologi..
14 febbraio 2018
Ornella Muti (9 marzo 1955) - Attrice italiana

Pesci, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017
Valentino Rossi (16 febbraio 1979) - Motociclista italiano

Acquario, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017