Apre a Peschiera Borromeo lo “Sportello per la tutela legale gratuita dei pensionati”

Stefano Faita lo annunciato martedì 30 Giugno durante il convegno #restituiteilmaltolto

In piedi Stefano Faita

In piedi Stefano Faita

Apre a Peschiera Borromeo lo "Sportello per la tutela legale gratuita dei pensionati", a dichiararlo è stato il coordinatore peschierese Stefano Faita durante l’incontro pubblico #restituiteilmaltolto svoltosi martedì 30 Giugno presso il Centro Polifunzionale Sandro Pertini di Peschiera Borromeo. Il convegno ha illustrato l’iniziativa di Fratelli d’Italia - Alleanza Nazionale voluta da Giorgia Meloni, a sostegno dei pensionati esclusi o parzialmente esclusi dal  nuovo meccanismo di rivalutazione previsto dal Decreto Legge n. 65/2015, emanato in seguito alla sentenza della Corte Costituzionale che impone il rimborso degli adeguamenti bloccati dalla Legge Fornero, dichiarata incostituzionale. All’incontro pubblico hanno partecipato il Consigliere Regionale Riccardo De Corato, il Consigliere della Città Metropolitana, Marco Osnato, il Coordinatore provinciale Franco Lucente e Guido Reggiani, avvocato esperto di diritto amministrativo delle pubbliche amministrazioni, nonché  ideatore insieme a Giorgia Meloni, dell’iniziativa nazionale #restituiteilmaltolto.
Reggiani ha spiegato il quadro normativo intervenuto prima e dopo il Decreto emanato dal governo Renzi che di fatto non applica la sentenza della Corte Costituzionale: «Per il 2012 e 2013 per le pensioni oltre i 1450 Euro lordi è previsto un rimborso degli adeguamenti dovuti ridotti al 40%. Via via così fino alle pensioni più altre che riceveranno solo il 10% del dovuto. Per il biennio 2014-2015 il Decreto riconosce, a titolo di rimborso parziale, solo un quinto della rivalutazione riconosciuta per il 2013, mentre per il 2016 la misura del rimborso sale al 50%. Occorre però precisare che l’articolo 1, comma 483, della legge n. 147/2013 non è stato modificato dalla pronuncia della Corte costituzionale. Secondo tale normativa, per il triennio 2014?16, il rimborso riconosciuto in funzione dell’importo complessivo dei trattamenti corrisposti al singolo beneficiario, a partire da pensioni lorde di 1450 Euro sarà a scalare. Il 95 per cento per le pensioni  tra tre e quattro volte il trattamento minimo INPS; il 75 per cento per le pensioni tra quattro e cinque volte il trattamento minimo INPS; il 50 per cento per quelle comprese tra cinque e sei volte il trattamento minimo INPS; e il 40 per cento per il 2014 e del 45 per cento per ciascuno degli anni 2015 e 2016 per i trattamenti superiori a sei volte il trattamento minimo INPS. Nel 2014 la rivalutazione del 40 per cento è riconosciuta solo fino a sei volte il trattamento minimo INPS».
«È bene ricordare che non si parla di pensioni o vitalizi erogati a parlamentari o politici per aver svolto magari solo un mandato elettorale – ha dichiarato il Coordinatore Provinciale di FDI-AN Franco Lucente presente all’iniziativa - ma di soldi maturati in seguito a versamenti effettuati in una vita di lavoro».
Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale, ha attivato il suo ufficio legale e i suoi parlamentari per  portare avanti questa iniziativa su due piani: quello giudiziale e quello politico, per non darla vinta a questo Governo.
È stata anche attivata una mailing-list nazionale, rivolta a tutti quelli che volessero ricevere informazioni sui progressi delle iniziative in corso e sui propri diritti sanciti dalla legge. Per riceverla è sufficiente  inviare una e-mail a difendoipensionati@fratelli-italia.it .
Per chi invece non avesse dimestichezze col pc o preferisse un colloquio personale,  tutti i sabati mattina, lo “Sportello tutela legale gratuita ai pensionati” sarà aperto e a disposizione dei pensionati a Peschiera Borromeo. Per fissare un appuntamento Stefano Faita 348.94.91.269 oppure fdipeschiera@gmail.com.
Per info generali sull’iniziativa http://www.fratelli-italia.it/difendo-i-pensionati/ .