Coronavirus, nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18, stop a palestre e piscine, didattica a distanza al 75%

Mentre i contagi continuano a crescere, non si placa l’isteria istituzionale: siamo ormai sommesi da montagne di decreti e ordinanze molto confusi e difficilmente applicabili in toto. Tenuta economica, sociale e psicologica del Paese a rischio. Leggi il testo completo del Dpcm in formato PDF

La curva dei contagi continua a crescere segnalando la preoccupante diffusione del morbo, ogni giorno più aggressivo tra la popolazione. Il numero dei ricoverati cresce di giorno in giorno mettendo le strutture sanitarie sotto pressione; la conta quotidiana dei deceduti scandisce con inesorabile drammaticità l’addentrarsi nella stagione invernale, la prova più difficile che l’Italia e buona parte del mondo sono chiamati ad affrontare.
Le istituzioni sono in affanno, fanno ciò che possono, certo troppo poco.
E così, mentre il Paese assiste attonito alla seconda notte di vera e propria guerriglia urbana in alcuni dei maggiori centri cittadini – scontri che ricordano le ataviche sommosse messe in atto dai sudditi affamati di un’Italia preunitaria –, mentre la tenuta economica e sociale del Paese è ogni giorno più a rischio, mentre i più fragili vedono ormai l’orlo del baratro della disperazione a pochi centimetri dal proprio capo, il premier Giuseppe Conte, il ministro Roberto Speranza e i membri del comitato tecnico-scientifico, illuminati dai lampadari degli antichi palazzi romani, partoriscono (nella notte tra sabato e domenica) un nuovo decreto. L’ennesimo. Al quale si sommano tutti i precedenti e le innumeri e disordinate ordinanze regionali e comunali. Siamo ormai irreparabilmente ingarbugliati in un groviglio di norme e restrizioni di ogni genere, dal quale districarsi appare impresa assai ardua per qualunque persona abbia, durante le proprie lunghe e difficili giornate, altri grattacapi di sorta. 
Proviamo dunque, per quanto possibile, a fare chiarezza e ad enumerare le ultime regole emanate, quelle contenute nel Dpcm vergato dal premier nella notte tra sabato e domenica, da alcuni già ribattezzato come un “lockdown mascherato”.
In primis, una raccomandazione a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi. Le autorità chiedono dunque ai cittadini uno sforzo collaborativo affinché l’Italia non si fermi del tutto, mettendo però in ginocchio i settori che del “superfluo” si nutrono e su cui costruiscono le proprie attività. 
Il capitolo più corposo del nuovo Dpcm è costituito dalla ristorazione. In tal senso, a decorrere dal 26 ottobre 2020, le attività dei servizi di ristorazione, fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie e pasticcerie sono consentite dalle ore 5.00 fino alle 18.00. Stop quindi alle cene nei ristoranti e bar che lavoreranno a metà. Il consumo al tavolo resta comunque consentito, ma per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi. Allo scattare delle 18,00 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico. Rimane consentita la ristorazione con consegna a domicilio, nonché fino alle ore 24,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle vicinanze. 
Sono sospese le attività dei parchi tematici e di divertimento
Il nuovo testo governativo decreta la sospensione degli eventi e delle competizioni sportive degli sport individuali e di squadra, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato. Restano consentiti soltanto gli eventi e le competizioni sportive, riconosciuti di interesse nazionale dal CONI, nei settori professionistici e dilettantistici così come gli eventi e le competizioni sportive, nonché le sedute di allenamento degli atleti agonisti, all'interno di impianti sportivi, rigorosamente a porte chiuse e all'aperto.
Altro tema centrale è rappresentato dallo stop all’attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi.
Chiuse anche le sale giochi e i centri scommesse, così come bingo e casinò. 
A partire dal 26 ottobre chiudono nuovamente i cinema e i teatri, da poco riaperti e da mesi in gravissime difficoltà economiche. Ancora chiuse discoteche e sale da ballo.
Sono vietate le feste – sempre al centro di polemiche e discussioni – nei luoghi al chiuso e all’aperto, ivi comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose.
Con riguardo alle abitazioni private, «è fortemente raccomandato di non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza».
Sospesi da lunedì anche convegni e congressi in presenza. 
Capitolo scuola, sempre tra i più controversi ed ambigui: le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell'organizzazione dell'attività didattica incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, per una quota pari al 75 per cento delle attività , modulando ulteriormente la gestione degli orari di ingresso e di uscita degli alunni, anche attraverso l'eventuale utilizzo di turni pomeridiani e disponendo che l'ingresso non avvenga in ogni caso prima delle 9. Resta salvo che ogni regione può intervenire, come è già accaduto, per modificare e restringere ulteriormente le norme nazionali.
Il governo esorta infine le aziende e i lavoratori a svolgere le proprie mansioni, ove possibile, in modalità agile (smart working).
Le disposizioni contenute nel decreto producono la propria efficacia dalla data del 26 ottobre 2020 e sino al 24 novembre 2020.

Dpcm 24 ottobre testo completo

dpcm-24-ottobre-testo-completo.pdf

Iscriviti alla Newsletter settimanale di 7giorni, riceverai  le ultime notizie e il link dell'edizione cartacea in distribuzione direttamente nella tua casella di posta elettronica. Potrai così scaricare gratuitamente il file in formato PDF consultabile su ogni dispositivo

San Valentino, scopri l'oroscopo dell'amore

Leggi l'oroscopo di San Valentino e scopri cosa hanno prenotato i tuoi astrologi..
14 febbraio 2018
Ornella Muti (9 marzo 1955) - Attrice italiana

Pesci, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017
Valentino Rossi (16 febbraio 1979) - Motociclista italiano

Acquario, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017