page contents

Affaire Bellaria, Fratelli d’Italia: «La storia infinita, a rimetterci solo gli acquirenti delle case»

«Nonostante le facili promesse elettorali, nessun passo avanti per tutte le famiglie residenti»

Peschiera, 26 Febbraio 2015

Peschiera, 26 Febbraio 2015 La protesta del centrodestra contro l'approvazione della delibera "salva Bellaria"

«Basta false promesse»

Peschiera Borromeo: «Basta false promesse» a metterlo nero su bianco è il gruppo locale di Fratelli d’Italia- Alleanza Nazionale. «All’indomani della sentenza del TAR – continua il direttivo locale – che di fatto consente ai costruttori di ridiscutere gli oneri di urbanizzazione del PI.I. di Bellaria - dichiarato da una precedente sentenza ancora esecutiva “illegittimo…con negligenza”- per una cifra pari a 3,6 Milioni di Euro, emerge con chiarezza quello che Fratelli d’italia – Alleanza Nazionale, denuncia da tempo. Tutti gli atti dell’amministrazione targata PD, andavano nella direzione di evitare il pagamento degli oneri dovuti. Le delibere approvate in 18 mesi, hanno messo le basi di una sentenza annunciata. Quella sera del 26 febbraio 2015, lo abbiamo spiegato, abbiamo manifestato; al momento del voto abbiamo chiesto a gran voce ai Consiglieri che stavano votando quella delibera che apriva il riesame della richiesta degli oneri da parte del comune, un atto di responsabilità Invece fu approvata con i voti decisivi del Partito Democratico. Quei soldi sarebbero serviti all’Ente per dare finalmente ai residenti quei servizi promessi al momento dell’acquisto. Mentre ora bisogna ridiscutere la convenzione da capo, i tempi si dilateranno enormemente,  con buona pace dei residenti che – chiude il comunicato stampa - ancora una volta sono stati presi in giro». A tal proposito è stata annunciata una iniziativa, un gazebo di Fratelli d’Italia sarà presente sabato 2 aprile 2016, alle ore 12 in via Fallaci a Bellaria.