Peschieragate, arrivano le scuse della sindaca Molinari in Consiglio comunale: l'intervento completo

«Ribadisco il mio rammarico e le scuse, dell’istituzione che rappresento, alla signora per aver recepito l’intervento della polizia locale come un atto intimidatorio»

Caterina Molinari

Caterina Molinari Sindaco di Peschiera Borromeo (Foto di archivio)

Peschiera Borromeo – 1 agosto 2019 – Durante il Consiglio Comunale del 31 luglio, la sindaca Caterina Molinari ha chiarito la propria posizione, e quindi dell’Amministrazione Comunale, in  merito allo scandalo rinominato dall’opinione pubblica Peschieragate.     

«In seguito all’enfasi mediatica, anche sul web e sui  social, di un episodio avvenuto recentemente, – ha dichiarato la sindaca Molinari in Consiglio comunale - credo sia doveroso, per il rispetto che ho delle  istituzioni e della cittadinanza, spiegare i fatti e dire chiaramente e pubblicamente qual è il mio punto  di vista, sia personale sia da sindaco. Perché l’eco strumentale di un episodio circoscritto ha generato  un clima di odio ingiustificato e di sospetto. Il nostro Comune, la nostra Amministrazione, la nostra  città non meritano tutto questo. Intendo chiarire subito che la ricostruzione giornalistica di quanto  accaduto ha attribuito alla sottoscritta delle decisioni che non ha mai preso. Mai detto al  comandante di andare a casa della signora. Mai chiesto una lettera di scuse. Mai entrata nel  merito delle valutazioni che la polizia locale, nel pieno rispetto delle sue prerogative e della legge,  fa di un’azione compiuta da un cittadino. Mai prevista una direttiva per la polizia locale su  modalità operative. Semmai, l’unica direttiva è quella di proseguire una prassi consolidata nel  tempo: cercare sempre, in ogni contesto e con chiunque, una forma di dialogo e di confronto.   È evidente che l’episodio sia stato utilizzato a pretesto per fare speculazione politica, con  conseguenze che, credo, nemmeno la diretta interessata poteva immaginare. Non mi riferisco  all’esercizio legittimo di informare, che mai ho messo in discussione o contestato, ma alle espressioni  di odio, agli insulti e alle pesanti minacce ricevute da me e dalla mia famiglia, fino addirittura ad  augurare del male alle mie figlie, negli ultimi giorni.   La decisione di attivare nuove forme di dialogo e di comunicazione, anche diretta, con i cittadini è  una scelta che rivendico con forza. L’attivazione di nuovi canali di comunicazione richiede,  necessariamente, un presidio. La libertà di pensiero e di espressione è necessaria in uno stato  democratico, purché venga garantita – come prevedono anche le Convenzioni internazionali a  tutela della libertà di espressione – la protezione della reputazione e dei diritti altrui. Chi interviene  per far rispettare tutto questo? A livello locale la responsabilità è principalmente della polizia locale.   Nel caso specifico, in seguito al monitoraggio anche dei commenti sulla pagina Fb del Comune, il  comandante della polizia locale procede, come è nel suo pieno diritto visto che rientra tra i suoi  compiti istituzionali, scegliendo autonomamente, come mettersi in contatto la persona che aveva  scritto il post per approfondire la cosa e informarla delle eventuali presunte conseguenze giudiziarie.  Non avendo altri contatti della cittadina se non l’indirizzo del domicilio, nei giorni successivi la polizia  locale, durante l’attività di servizio, contatta la persona. Un agente le lascia un messaggio al  citofono, senza entrare in casa o incontrarla direttamente. Una prassi che non deriva da  indicazione politica, ma è una modalità consolidata negli anni, da ben prima che io entrassi in carica,  secondo peraltro quanto previsto dall’art.49 del Regolamento Comunale di Polizia Urbana.   L’agente ha invitato semplicemente la signora a mettersi in contatto telefonico con il comandante:  NESSUN AGENTE è mai entrato in casa della cittadina. La signora e il comandante si sono sentiti al  telefono e si sono confrontati su quanto accaduto. Anche in questo caso non vi è stato alcun incontro  diretto, quindi non è corretto affermare che la polizia locale avrebbe intimidito la signora,  impaurita dalla presenza in uniforme sia dell’agente sia del comandante come abbiamo letto in  alcune delle ricostruzioni.   Nel corso della telefonata, il comandante tenta di ricomporre l’accaduto onde evitare l’avvio di  iniziative giudiziarie che il comune è sempre restio ad intraprendere nei confronti dei propri cittadini  se non in casi di estrema gravità. Una conversazione che, mi si riferisce a posteriori, è stata cordiale  e serena. La signora comunica al comandante l’intenzione di rimuovere il commento e, dopo aver  chiesto cosa potesse fare d’altro, il comandante le suggerisce di chiarirsi con l’amministrazione,  rivolgendosi al sindaco.   Quindi: NON HO CHIESTO al comandante di andare al domicilio della persona o di inviare degli  agenti; NON HO DISPOSTO che la cittadina dovesse avere un contatto telefonico con il  comandante per rettificare il commento, e soprattutto, NON HO MAI chiesto o peggio preteso che  venisse scritta una lettera di scuse al mio indirizzo.   Dopo alcune settimane una testata locale, il cui caporedattore, ex candidato nella lista di un partito  vicino all’opposizione, ha attaccato anche altre volte frontalmente l’attuale amministrazione, ha  dato la propria rappresentazione dei fatti. È stato riportato che la signora si sia sentita intimorita  dagli agenti della polizia locale e dal comandante.   Comprendo come sindaco e come donna la reazione, anche se avvenuta molti giorni dopo, della  signora. Però sono fermamente convinta che la polizia locale abbia agito senza voler intimorire. Se  però il confronto è stato recepito così, al di là delle intenzioni, allora l’istituzione che rappresento  deve delle scuse alla signora coinvolta ed è opportuno che queste arrivino in questa sede ufficiale.   Ho piena fiducia nel Comandante, persona molto conosciuta e stimata a Peschiera, e confermo la  stima e la gratitudine per il lavoro quotidiano che i nostri Ufficiali e i nostri Agenti svolgono sul  territorio.   Ribadisco il mio rammarico e le scuse, dell’istituzione che rappresento, alla signora per aver recepito  l’intervento della polizia locale come un atto intimidatorio nei suoi confronti. Mi assumo la  responsabilità come qualsiasi buon primo cittadino farebbe perché sono certa che i miei  collaboratori abbiano agito in coscienza e pensando di fare il meglio per l’Ente e per i cittadini che  abbiamo l’onore di servire.   Servizio che svolgiamo tutti i giorni, chi dalla sede comunale, chi per strada, chi tra le persone, chi  nei cantieri, e sicuramente non su Facebook.   La politica si fa nelle istituzioni e non su internet, la si fa lavorando sodo, senza sosta e con il  massimo impegno.   Gli errori ci insegnano sempre qualcosa. Ne facciamo tesoro per andare avanti con maggiore  determinazione e maggiore compattezza. Molto abbiamo già fatto, molto è in divenire, ci sono tante  cose ancora da fare per Peschiera e stiamo lavorando sodo per lasciare Peschiera migliore di come  l’abbiamo trovata. E non ci lasceremo intimorire da chi – conclude l’esponente di Peschiera Riparte -, con ogni mezzo e pretesto, cercherà in questi  anni di ostacolare il nostro servizio per la nostra città».      

San Valentino, scopri l'oroscopo dell'amore

Leggi l'oroscopo di San Valentino e scopri cosa hanno prenotato i tuoi astrologi..
14 febbraio 2018
Ornella Muti (9 marzo 1955) - Attrice italiana

Pesci, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017
Valentino Rossi (16 febbraio 1979) - Motociclista italiano

Acquario, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017