Peschiera, il Panificio 2 Giugno lancia un patto anticrisi contro gli sprechi: noi non aumentiamo i prezzi, voi ordinate il pane per il giorno dopo

Il momento è delicato, i rincari delle materie prime e dei costi dell’energia, stanno diventando insostenibili, così Giusy la titolare del forno di Bettola, chiede aiuto ai suoi clienti bloccando i prezzi dei suoi prodotti da forno

L'iniziativa meritoria del Panificio 2 Giugno

L'iniziativa meritoria del Panificio 2 Giugno

Peschiera Borromeo, 30 aprile 2022. Una comunicazione appesa in vetrina e alla cassa del Panificio 2 Giugno, avvisa la clientela, dell’iniziativa lanciata da Giusy, la titolare del forno di via 2 Giugno, 12: «Ad oggi non abbiamo effettuato nessun aumento dei prezzi di pane e focacce... Non vi nascondiamo che la situazione di rincari per le materie prime sta diventando insostenibile quindi abbiamo preso una decisione e crediamo in voi per aiutarci in questo momento particolare... Non aumenteremo i prezzi dei prodotti però vi chiediamo una mano ordinando il pane per il giorno dopo in questo modo insieme limiteremo gli sprechi e conterremo i costi. Vi ringraziamo anticipatamente per la collaborazione».
L’iniziativa, da una parte è tesa a contenere i costi senza effettuare aumenti, e dall’altra mina ad azzerare gli sprechi: «I clienti hanno risposto positivamente – ci racconta Giusy, la giovane titolare del forno di via 2 Giugno a Bettola -. La programmazione quotidiana ci aiuta a contenere gli sprechi e accontentare tutta la clientela».

Rincari delle materie prime che si sommano a quelli già registrati per bollette, trasporti e imballaggi. «Decine di panetterie sono a rischio chiusura - avverte Stefano Fugazza, presidente di Unione artigiani, panettiere di terza generazione a Lambrate, il cui allarme rimbalza sui principali quotidiani dall’inizio del conflitto -. Le farine di grano tenero sono cresciute del 40-50%, non possiamo scaricare questi costi sul prezzo del pane, si lavora in perdita per mantenere il rapporto coi clienti». L'impegno di molti panettieri è mantenere i beni di prima necessità al di sotto dell’inflazione: il pane ad esempio è aumentato del 3%, a fronte di un’inflazione del 4,8%. Il Panificio 2 Giugno di Peschiera Borromeo è andato oltre, non ha aumentato i prezzi dei suoi prodotti da forno. Una scelta che se sotto il profilo imprenditoriale non è  sostenibile a lungo termine, sotto il profilo sociale ha un altro valore, e va incontro soprattutto alle famiglie che sono più in difficoltà economica.

L’aumento dei costi dell’energia sta mettendo in ginocchio il settore. Tanti negozianti, stretti fra la morsa degli aumenti e la crisi economica che stanno vivendo le famiglie, sono a rischio chiusura. Regione Lombardia recentemente ha varato il “Pacchetto Energia”:  9,6 milioni di euro destinati a ristorazione, commercio e società di servizi, iscritte nel Registro delle imprese da almeno 12 mesi, per l’efficientamento energetico. La misura prevede un contributo a fondo perduto al 50% fino a 30.000 euro - a fronte di un investimento minimo di 4.000 euro - per la sostituzione di macchinari, attrezzature, impianti di condizionamento e illuminazione, l’installazione di sistemi fotovoltaici e diversi altri interventi. 

San Valentino, scopri l'oroscopo dell'amore

Leggi l'oroscopo di San Valentino e scopri cosa hanno prenotato i tuoi astrologi..
14 febbraio 2018
Ornella Muti (9 marzo 1955) - Attrice italiana

Pesci, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017
Valentino Rossi (16 febbraio 1979) - Motociclista italiano

Acquario, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017