"Donne a perdere", la Mostra denuncia di Carla Bruschi e Barbara Sanaldi ospite del Comune di Sesto San Giovanni

In occasione del 25 Novembre, Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, l’amministrazione comunale di Sesto San Giovanni ha patrocinato diversi eventi per sensibilizzare la cittadinanza e tenere viva l’attenzione su un tema così attuale e importante

Alcuni quadri e racconti dell'esposizione

Alcuni quadri e racconti dell'esposizione Foto repertorio

In occasione del 25 Novembre, Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, l’amministrazione comunale di Sesto San Giovanni ha patrocinato diversi eventi per sensibilizzare la cittadinanza e tenere viva l’attenzione su un tema così attuale e importante.
L’evento clou è previsto per sabato 23 novembre con l’inaugurazione della mostra denuncia “Donne a perdere. Piccole storie di ordinaria quotidianità” a cura di Carla Bruschi e Barbara Sanaldi allo SpazioArte. Ogni tela, affiancata dal racconto che l’ha ispirata, guida i visitatori nella vita interiore delle protagoniste, condividendo le loro paure, le loro angosce, il senso di solitudine profonda e di tragica impotenza. L’esposizione sarà tenuta dal 23 novembre al 1 dicembre 2019 presso lo Spazio Arte e sarà inaugurata sabato alle ore 17 alla presenza delel autorità e delle autrici. La mostra, promossa dall’assessorato alla Cultura e alle Pari Opportunità, in collaborazione con l’Associazione Culturale Variazioni, racconta il quotidiano martirio di alcune donne vittime di violenza. Quindici opere di Carla Bruschi accompagnate da altrettanti racconti della giornalista Barbara Sanaldi. Attraverso un percorso che ricalca idealmente le quattordici stazioni della Via Crucis sono rappresentate quattordici storie. La quindicesima simboleggia la Resurrezione e lancia un messaggio di impegno e di speranza. Una mostra che veicola un messaggio diretto, senza filtri, senza mezze misure, senza ipocrisie, per fermare queste stragi quotidiane. Ogni racconto di Barbara Sanaldi ha ispirato la pittrice Carla Bruschi, che l’ha trasfigurato e rappresentato tra i simboli della modernità, per enfatizzarne la contraddizione e amplificare l’impatto emotivo. Sarà possibile visitare gratuitamente la mostra presso lo Spazio Arte, sito in via Maestri del Lavoro fino a domenica 1 dicembre con le seguenti modalità: dal lunedì al sabato dalle ore 16 alle 19, domenica dalle ore 10 alle ore 12.30 e dalle ore 16 alle 19. Apertura al mattino e incontro con le autrici su richiesta delle scuole per informazioni: Tel. 02.249688.05 o mail: [email protected] . Per informazioni sulla mostra e/o sulle autrici: Tel. 339.28.00.846 [email protected]

«La violenza contro le donne – commenta Alessandra Magro, assessore con deleghe alle Pari Opportunità – si combatte ogni giorno e si combatte tutti insieme. Si combatte a partire dall'educazione al rispetto che nasce all'interno della famiglia e continua a scuola, si combatte con i servizi del territorio, dall'orientamento offerto dal Cidef (Centro Informazione Donna e Famiglia) ai servizi più strutturati come quelli offerti dallo sportello antiviolenza all'interno della Casa delle Associazioni; si combatte con la presenza e le azioni delle associazioni capaci di arrivare in modo capillare sul territorio. Si combatte insegnando ai bambini e ai giovani il rispetto per le donne e insegnando alle bambine e alle ragazze che ognuna di noi ha un proprio spazio fisico e mentale che nessuno può invadere se non con il nostro consenso. Soprattutto occorre insegnare a sviluppare una personalità forte che ci consenta di riconoscere la violenza fin dall’inizio senza subirla passivamente. Si combatte anche con i momenti di riflessione che l'Amministrazione organizza in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. Quest'anno il calendario è particolarmente ricco: spettacoli al Teatro Vittoria e a SpazioArte, un film, una mostra di opere e testi che prendono spunti da fatti di cronaca. Essere presenti è importante».

«La Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne – commenta Roberto Di Stefano, sindaco di Sesto San Giovanni – è un'importante occasione per fermarci a riflettere sulla gravità di un fenomeno che non accenna a diminuire. Di femminicidi, violenza domestica e violenza assistita sentiamo parlare tutto l'anno, è vero; ma le iniziative che si concentrano in questo periodo hanno l'obiettivo di sferrarci un pugno nello stomaco per distoglierci da una qualsiasi, seppur impensabile, forma di assuefazione. Con la violenza di genere non possiamo convivere, dobbiamo combatterla con tutte le nostre forze, dobbiamo arrivare a più persone possibili affinché le vittime sappiano di avere intorno qualcuno su cui contare: un amico, un servizio comunale, lo sportello di un'associazione, una chiesa, insomma una Comunità. Importanti sono anche corsi comunali gratuiti di autodifesa che aiutano le donne acquisire più consapevolezza. Nel contrasto alla violenza l'Amministrazione comunale ha un compito fondamentale: rinforzare la rete antiviolenza territoriale e sovracomunale perché le vittime sappiano a chi rivolgersi e ognuno di noi possa fare la sua parte smettendo di essere un semplice spettatore».

Sesto San Giovanni offre diversi servizi per venire in aiuto delle donne in situazioni di difficoltà: CENTRO INFORMAZIONE DONNA E FAMIGLIA (CIDEF) Ascolto e orientamento e servizio gratuito di consulenza legale alla Casa delleAssociazioni e del Volontariato, piazza Oldrini 120 da lunedì a mercoledì dalle 9.30 alle 12.30 Tel. 02.2496.827; SPORTELLO ANTIVIOLENZA alla Casa delle associazioni e del volontariato, piazza Oldrini 120, mercoledì dalle 15 alle 18 e venerdì dalle 9 alle 12 Tel: 02.296.825-366.6622.300, operativo 24 ore su 24; SPORTELLO DI ACCOGLIENZA, ORIENTAMENTO a cura dell'associazione Da Donna a Donna in via Tonale 14, lunedì e sabato, dalle 15 alle 18 Tel. 02.2481.357-mail: [email protected] www.asdadonna.org.