Coronavirus, il grido d'allarme della polizia Penitenziaria: «Siamo al collasso»

Il sindacato: «Ci viene richiesto di lavorare senza mascherine per non allarmare i detenuti e di continuare a prestare servizio anche se si è venuti a contatto con persone contagiate»

«La Polizia Penitenziaria è stremata. Non ce la fa più. Solo in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, dove i turni di lavoro sono anche di 20 ore consecutive, i colleghi contagiati, ad oggi, sono 30 (una cinquantina in tutta Italia) e oltre una decina i detenuti positivi». A parlare è il segretario generale del  Sindacato di Polizia Penitenziaria, Aldo Di Giacomo, che denuncia una situazione paradossale. «Il lavoro degli agenti continua a svolgersi senza mascherina perché i direttori lo “impongono” per evitare, dicono, di creare ulteriore allarmismo nella popolazione carceraria». Secondo Di Giacomo ormai gli agenti di polizia Penitenziaria sono poco più che “carne da macello”: «la testimonianza più evidente di questo stato di cose è la circolare del Capo del Dipartimento, Dott. Francesco Basentini, nella quale, in un passaggio, testualmente riporta “…nella prospettiva di salvaguardare l’ordine e la sicurezza pubblica collettiva, si ritiene che gli operatori di Polizia Penitenziaria in servizio presso le strutture penitenziarie, in quanto operatori pubblici essenziali, debbono continuare a prestare servizio anche nel caso in cui abbiano avuto contatti con persone contagiate o che si sospetti siano state contagiate. Evitando ogni contatto con i detenuti…”». È notizia di oggi (18 marzo) che l’ASL di Milano provvederà ad effettuare 50 tamponi ad agenti  che sono stati in contatto con detenuti o con colleghi infettati, su un totale di 180 tamponi nell’arco di 3 giorni. «Nonostante questa situazione allarmante –continua il segretario – con il sacrificio degli uomini e delle donne in divisa stiamo riuscendo ad assicurare un servizio che, come riprovano le violente rivolte dei giorni scorsi, è soprattutto un servizio ai cittadini per garantire sicurezza. Qualcuno si illude che nelle carceri sia tornata la calma: non appena ci saranno casi di detenuti e/o poliziotti penitenziari infetti di cui la popolazione detenuta ne verrà a conoscenza, il panico creerà situazioni catastrofiche».
Redazione Web

Iscriviti alla Newsletter settimanale di 7giorniriceverai  le ultime notizie e il link dell'edizione cartacea in distribuzione direttamente nella tua casella di posta elettronica. Potrai così scaricare gratuitamente il file in formato PDF consultabile su ogni dispositivo 

San Valentino, scopri l'oroscopo dell'amore

Leggi l'oroscopo di San Valentino e scopri cosa hanno prenotato i tuoi astrologi..
14 febbraio 2018
Ornella Muti (9 marzo 1955) - Attrice italiana

Pesci, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017
Valentino Rossi (16 febbraio 1979) - Motociclista italiano

Acquario, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017