Mombretto di Mediglia, inaugurazione Centro comunale per l'autismo Peppino Impastato |Video|Gallery|

Da un immobile confiscato alla mafia, con un percorso condiviso fra scuole e associazioni nasce un centro per il trattamento dei disturbi autistici

Il nuovo Centro comunale

Il nuovo Centro comunale

Il primo Centro in Italia sul Trattamento Multisistemico per l’Autismo TMA

Mediglia, 21 settembre 2019 - C'è il pubblico delle grandi occasioni in via Melozzo da Forli 6, a Mombretto di  Mediglia. Questa mattina si inaugura il nuovo Centro comunale per l’Autismo intitolato a Peppino Impastato. Il parterre delle autorità risulta affollato, gli amministratori dei paesi adiacenti non hanno voluto mancare a questa festa che celebra la restituzione alla comunità di un bene confiscato alla criminalità organizzata e il reimpiego per una nobile causa. La Legge 7 marzo 1996, n. 109 (“Disposizioni in materia di gestione e destinazione di beni sequestrati o confiscati”) introdusse nel nostro ordinamento il riutilizzo sociale dei beni confiscati ai mafiosi. Alla cerimonia a tratti toccante, introdotta dal vicesindaco Gianni Fabiano, hanno partecipato oltre all’intero arco consigliare del Comune di Mediglia bipartisan, i sindaci, i vicesindaci e gli assessori dei comuni di Colturano, Pantigliate, Tribiano, Peschiera Borromeo e Paullo; il Consigliere regionale Franco Lucente; i rappresentanti delle scuole medigliesi; numerosi esponenti della società civile e delle associazioni locali, oltre a tantissimi cittadini. L’Assessore alle politiche sociali Elisa Roberta Baeli ha sottolineato quanto sia stata fondamentale la determinazione di questa amministrazione per raggiungere questo obiettivo. Applausi a scena aperta dalla platea al percorso sulla legalità avviato nelle scuole medigliesi già da anni. L’Assessore alla Pubblica Istruzione Rosa Simone ha presentato le iniziative e i lavori realizzati dagli alunni delle scuole e donati al Centro Peppino Impastato fra cui una tavola intitolata “I cento passi”: una rappresentazione di quei cento passi che separavano la casa di Peppino da quella di Tano Badalamenti, il boss che regnava su Cinisi. Giovanni Caputo e Giovanni Ippolito i due terapisti ideatori della terapia multi sistemica in acqua per la cura dell’autismo che operano i tutt’Italia attraverso la Cooperativa Sociale Onlus TMA Group neo gestori del primo Centro sul Trattamento Multisistemico per l’Autismo TMA hanno ringraziato i presenti e tutta la comunità per l’accoglienza riservata loro e hanno assicurato di sentirsi investiti di una grossa responsabilità, nelle loro intenzioni c’è la speranza che questa buona pratica del Comune di Mediglia sia d’esempio ad altri comuni. Alla cerimonia era presente anche la Dr.ssa Maria Paniagua di Mediafriends. La Onlus di Mediaset sostiene da tempo i progetti della Cooperativa Sociale Onlus TMA Group  e non ha voluto mancare a questa grande giornata.

«Medigliesi siate orgogliosi»

Alla celebrazione della vittoria dello Stato sulla mafia ha presenziato anche il Dott. Roberto Bellasio dell’ Agenzia Nazionale Beni Confiscati e il Viceprefetto Alessandra Tripodi. La rappresentante della Prefettura di Milano ha sottolineato quanto il percorso condiviso con le scuole e le associazioni del territorio, con cui si è arrivati a dedicare questo importante centro per i disabili a Peppino Impastato, sia un esempio virtuoso: «Siate orgogliosi. Ho trovato veramente straordinario il coinvolgimento delle scuole in questo progetto. Trovo straordinario quanto gli insegnanti e i ragazzi delle scuole abbiano lavorato su questo progetto. Tutti i cittadini medigliesi quando si troveranno a passare di qua, rammenteranno che la legalità non è scontata, non viene calata dall'alto, non viene garantita dal Prefetto o dalle forze dell'ordine, che pure sono presenti sul territorio. La legalità richiede la partecipazione attiva di tutti i cittadini e tutti noi dobbiamo dare il nostro contributo. Qui – ha concluso il suo intervento la rappresentante della Prefettura di Milano -, verranno tante famiglie anche dai comuni vicini, e questo da ancora più il segno del valore di tutto ciò».

«Intitoliamo questo Centro a Peppino Impastato eroe dell’antimafia»

L’intervento del Sindaco Paolo Bianchi ha preceduto la scopertura della targa di intitolazione del Centro comunale: «Oggi – ha dichiarato il primo cittadino nel suo discorso -, con questa cerimonia intitoliamo questo Centro a Peppino Impastato eroe dell’antimafia che ha perso la propria vita per i propri ideali. Questo gli va riconosciuto indipendentemente dalla collocazione politica che uno ha avuto. Oggi dimostriamo che lo Stato ha risposto a questo fenomeno mafioso che purtroppo rovina il nostro paese. Questa è la dimostrazione che lo Stato esiste, lo Stato siete tutti voi, non siamo solo noi. Grazie a tutti voi. Grazie a tutte le famiglie e agli operatori, e – ha concluso Paolo Bianchi - grazie a tutta la comunità di questo grande Stato che è l’Italia».
Scoperta la targa si proceduto al taglio del nastro con la benedizione e gli intervenuti hanno potuto visitare il Centro per il quale numerose aziende del territorio hanno contribuito a progettare e allestire gratuitamente.
Giulio Carnevale

Guarda il Video

San Valentino, scopri l'oroscopo dell'amore

Leggi l'oroscopo di San Valentino e scopri cosa hanno prenotato i tuoi astrologi..
14 febbraio 2018
Ornella Muti (9 marzo 1955) - Attrice italiana

Pesci, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017
Valentino Rossi (16 febbraio 1979) - Motociclista italiano

Acquario, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017