Pantigliate, il sindaco Franco abate dice stop alla discarica abusiva della Cassinazza: «Pronti ad emettere un’Ordinanza per la bonifica dell’area»

Il primo cittadino in una video intervista a 7giorni spiega che è arrivato il momento di usare gli strumenti che la legge consente per ottenere la bonifica dell’area della Cassinazza immersa nel Parco Agricolo Sud Milano

Franco Abate basito davanti a una delle discariche abusiva della Cassinazza

Franco Abate basito davanti a una delle discariche abusiva della Cassinazza

Guarda l'intervista al Sindaco di Pantgliate

C’era una volta la Cassinazza, una cascina lombarda del XIX secolo, abbattuta nella primavera del 2005 nonostante il parere contrario dell’ente Parco Agricolo Sud Milano che non vedeva nel Piano di recupero previsto dalla proprietà il rispetto del mantenimento della struttura originaria. Il piano fu approvato lo stesso in Consiglio comunale e si diede il via ai lavori. Pronti via la cascina fu completamente abbattuta non rispettando il Piano di recupero depositato, le autorità locale misero sotto sequestro tutta l’area, negli anni successivi l’operatore falli e portò i libri in tribunale, da quel giorno è un curatore fallimentare a curare la liquidazione coatta della società. La vicenda non ebbe conseguenze legali per l’Amministrazione comunale di allora guidata da Ottavio Carparelli, non era certo da addebitare al Sindaco il fatto che l’azienda che svolse i lavori snaturasse il progetto, ma il fatto sta che le scelte politiche di realizzare un Piano di recupero residenziale in quell’area diedero il via al disastro. Poi alla fine del 2005 è arrivata l’approvazione del raddoppio della Paullese, e negli anni successivi sono intervenuti tutti i lavori che ci hanno portato ai nostri giorni. Città Metropolitana di Milano ha realizzato le opere compensative quali la passerella a scavalco della Paullese, la ciclabile Risorgimento – De Gasperi; la strada parallela alla ex Statale 415 che portava all’insediamento urbanistico previsto con il Piano di Recupero della Cassinazza; e altre opere dal lato del Centro Commerciale Paullese. Quella strada verso la ormai ex Cassinazza è diventata l’autostrada dell’immondizia. Di notte e a volte anche di giorno è percorsa da chi intende smaltire illegalmente ogni genere di rifiuto. Così fin dai primi mesi dopo lo stop dei lavori, sono cominciati gli abbandoni di ogni genere di spazzatura: dalle auto rubate ai materiali di risulta; da mobili e vettovaglie smaltiti negli sgomberi e nelle ristrutturazioni, a bidoni con ogni genere di liquido pericoloso; da pneumatici anche di mezzi pesanti a batterie esauste di ogni tipo; a scarti di lavorazioni industriali a materiali tessili e provenienti da laboratori di conceria.
L'articolo prosegue dopo il video

Cassinazza e area sovrappasso Paullese: discariche a cielo aperto. Guarda il video.

7giorni nel corso di questi 15 anni ha svolto numerosi articoli denunciando la situazione, proponendo soluzioni percorribili per fermare gli inquinatori, a partire dalla chiusura di quella timida sbarra posta all’ingresso della strada. Sbarra che comunque non è mai stata chiusa a dovere dagli agricoltori che lavorano quei campi, che evidentemente reputavano superfluo perder due minuti per mettere in sicurezza il territorio. Oggi quel manufatto insufficiente di per sé a fermare gli sporcaccioni, è stata abbattuto dalle aziende incaricate al taglio dell’erba da Città Metropolitana di Milano. Città Metropolitana, prima Provincia di Milano, che di fatto non ha mai messo a disposizione del Comune di Pantigliate la passerella ciclopedonale, gli ascensori, l’area del sovrappasso, la strada per la Cassinazza e la pista ciclopedonale tanto che sono state tutte vandalizzate e rese inservibili a causa dell'incuria e della mancata manutenzione. 16 anni dopo, il Sindaco di Pantigliate Franco Abate è riuscito a portare a casa un bel risultato dal punto di vista ambientale. Nel nostro articolo del 20 ottobre abbiamo illustrato l’accordo con Città Metropolitana di Milano per ripristinare l’area del sovrappasso. Ma oggi siamo riusciti a far prendere un altro impegno al sindaco. Per farlo abbiamo accompagnato il primo cittadino nell’area della Cassinazza dove, fra orti abusivi con verdure che crescono fra una lastra di amianto e acidi di batterie esaurite, fra decine di alveari di operose api che producono Miele in una zona degradata, appaiono come funghi ogni giorno cumuli di macerie e spazzatura di ogni tipo. Alla vista di tutto ciò il sindaco Franco Abate si è impegnato a emettere una Ordinanza di sgombero per bonificare l’area della Cassinazza e le are agricole adiacenti qualora entro pochi giorni, i responsabili dei terreni non diano seguito all’avviso di sgombero bonario. Nel video a corredo di questo articolo Franco Abate si impegna formalmente a dire stop a questa vergogna sita nel Parco Agricolo Sud Milano.
Giulio Carnevale
Foto storica Cascina Cassinazza Pantigliate

Foto storica Cascina Cassinazza Pantigliate

Articolo del 19 Giugno 2008 nel quale già si denunciava la discarica abusiva che prendeva corpo

Articolo del 19 Giugno 2008 nel quale già si denunciava la discarica abusiva che prendeva corpo

San Valentino, scopri l'oroscopo dell'amore

Leggi l'oroscopo di San Valentino e scopri cosa hanno prenotato i tuoi astrologi..
14 febbraio 2018
Ornella Muti (9 marzo 1955) - Attrice italiana

Pesci, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017
Valentino Rossi (16 febbraio 1979) - Motociclista italiano

Acquario, l'oroscopo 2018

Girolamo l'astrologo specialista di 7giorni svela i suggerimenti delle stelle per il nuovo..
27 dicembre 2017