Cosa piace fare al cane? Le persone se lo chiedono? E sanno rispondere?

Cosa piace fare al nostro amico a quattro zampe? Le persone spesso se lo chiedono, quello che va considerato è la loro indole naturale.

Così se un Maremmano che da cucciolo ci ricorda un pupazzetto da stingere, da adulto assumerà caratteristiche proprie, dobbiamo infatti ricordare che appartiene a una razza selezionata per difendere le greggi dagli attacchi dei lupi. Non meravigliamoci quindi se presenterà un carattere forte, diffidente, protettivo e territoriale. Allo stesso modo il Jack Russel, che aveva il compito di rincorrere la preda fin nella sua tana, sarà testardo e competitivo. Tutte queste caratteristiche nascono dalle motivazioni che sono il motore del comportamento del cane. Sono pertanto quello che sostiene le sue attività creandogli interesse per il mondo e gratificandolo nei suoi comportamenti naturali. Queste motivazioni si possono rilevare molto bene nei cuccioli che le esprimono sotto forma di gioco rincorrendo qualsiasi cosa in movimento, afferrando e strappando, scavando, proponendoci il tira e molla con un oggetto e così via. Ad esempio nel Border Collie avremo molto presente la motivazione predatoria mentre nel Rottweiler quella competitiva. Per questo i due cani proporranno due giochi diversi: il Border sarà un patito della pallina mentre il Rottweiler del tira e molla. A questo punto è bene chiedersi se sia giusto assecondare queste proposte di gioco del nostro amico a 4 zampe! È sicuramente sbagliato considerare il gioco come un diversivo, un modo per stancare il cane. Il gioco è una palestra di vita! Questo vuol dire che assecondando sempre solo i giochi che rispondono a una motivazione di razza, andremo a rafforzare comportamenti che potranno risultare problematici. Così avremo Broder Collie che inseguono qualsiasi cosa in movimento o Rottweiler sempre pronti ad afferrare e tirare. Non è comunque sbagliato assecondare la richiesta del cane ma bisogna disciplinare le sue motivazioni proprio attraverso il gioco. Per questo dovremo scegliere un contesto ben preciso dove poter giocare con la pallina con il nostro Border (per esempio al parco) e usare un oggetto definito (come una treccia) per giocare al tira e molla con un Rottweiler, dando autocontrollo al cane e inserendo anche dei segnali d’arresto. Sarà poi nostro compito proporre dei giochi che vadano a stimolare anche altre motivazioni per avere un adulto disciplinato nelle sue attività.
Dog Angels Onlus
info@dogangels.org
www.dogangels.org
Twitter: twitter.com/DogAngelsOnlus 
Facebook: www.facebook.com/DogAngels