Archivio storico













A Bettolino, la scuola è pronta al restyling!

La prima scuola di Mediglia ad adottare il fotovoltaico. Nelle vicinanze del parco bambini e docenti potranno usufruire della palestra pensata per divenire un polo aggregativo della cittadinanza e di nuovi spazi all'insegna del risparmio ambientale. E il progetto di Bettolino diventa un case study per due universitari del Politecnico di Milano. Leggi »





















Circolare 901 e 902: troppo tempo trascorre tra il passaggio di un pullman e l'altro

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera, inoltrata anche agli uffici comunali di Peschiera Borromeo:
Buongiorno, abito a Bettola in via Quasimodo e da qualche mese, per recarmi in ufficio ai palazzi Eni di San Donato Milanese, ho deciso di lasciare a casa la mia auto per utilizzare i mezzi pubblici che, tra l’altro, passano vicino la mia abitazione: le circolari 901 e 902. Leggi »








Affaire Bellaria, finalmente un accordo sulle mitigazioni. Il caso si avvia alla soluzione?

Si rasserena il clima sull’Affaire Bellaria, gli operatori accettano di sedersi ad un tavolo per proporre opere di mitigazione
Il Sindaco, nella riunione svoltasi il giorno 21 giugno, presso il Comune di Peschiera Borromeo, ha chiesto alle parti in causa di proporre soluzioni per mitigare i problemi esistenti nell’insediamento di Bellaria, e sembra che per la prima volta, invece di litigare a colpi di ricorsi e ingiunzioni, tutti gli operatori (qualcuno con qualche malumore dovuto all’atteggiamento della Mapei sulla rilevanza economica dell’operazione) si sono resi disponibili a studiare soluzioni. Leggi »


Il Presidente dell'Associazione Residenti Malaspina (Pioltello) denuncia: «Non ci sono negozi nè trasporti nella nostra frazione»

Spett.le Redazione,
Sono presidente dell'Associazione Residenti Malaspina, una recente località sorta circa 7 anni fa, a sud del territorio del Comune di Pioltello.
Come forse già saprete, la nostra è una realtà un pò particolare, soprattutto per la posizione su cui sorge: divisa dal resto del territorio pioltellese dalla S.P. 14 Rivoltana e dalla ferrovia, confina con i Comuni di Peschiera Borromeo e Segrate al quale per comodità la maggior parte di noi si rivolge per scuole, negozi, etc... Leggi »






























"100 km in pista" per il progetto "Un pozzo per Andrea": una giornata di sport e solidarietà raccontata da Raffaele Brattoli

Qualche settimana fa abbiamo parlato di “100 km in pista”, una gara podistica di beneficenza tenutasi domenica 17 giugno a Vignate. L’evento si è svolto a favore del progetto “Un pozzo per Andrea” con lo scopo di dotare l’Africa di pozzi d’acqua e tramutare così in realtà il sogno di Andrea De Nando, il 15enne peschierese travolto e ucciso da un’auto nel gennaio del 2011. Leggi »













Posti d blocco a Caleppio

I carabinieri di San Donato avevano messo a punto l'operazione Flash con cui nell'autunno 2011 avevano sgominato il racket della prostituzione nel sud est Milano. Ora la soglia dell'attenzione resta vigile. Leggi »














L'afa può inseguirvi anche al mare!

Il colonnello e meteorologo Mario Giuliacci spiega ai lettori di 7giorni il fenomeno dell'afa: cos'è, perchè non è presente esclusivamente nella nostra Pianura Padana, quali sono i rischi che si corrono con il caldo eccessivo e come evitarli, quali siano gli altri tipi di caldo e in quali zone trovarli. Leggi »


TRIBIANO, L’OPPOSIZIONE ALLE PRESE CON UNA PETIZIONE PRETESTUOSA E PRIVA DI SENSO

«Non è possibile andare a modificare il piano triennale delle opere pubbliche – specifica il primo cittadino, Franco Lucente –. E soprattutto non possiamo sostituire un’opera in fieri con un’altra, anch’essa importante, ma che attualmente è ancora in fase embrionale. È lapalissiano dunque che i componenti dell’opposizione abbiano cominciato ad agire in funzione della campagna elettorale per la corsa alle elezioni del 2014, trincerandosi dietro una raccolta firme; escamotage pretestuoso e privo di senso» Leggi »
































Tra cammelli e dromedari, un po' Lawrence D'Arabia e Indiana Jones, Raffaele Brattoli ha percorso la Jordan Race 2012

Il kolossal di David Lean ne consacrò il suggestivo e incontaminato fasto paesaggistico. Allo stesso tempo ne rivelò universalmente i pericoli e le insidie celati tra le sue sabbie. Dopo quindi Lawrence d’Aradia, che l’ha cavalcato in groppa a cammelli e dromedari, il Wadi Rum, la più vasta distesa desertica di Giordania, adagiata tra un dedalo di formazioni rocciose monolitiche, è stato domato – assieme ad altri deserti mediorientali – dagli atleti estremi del circuito di Racing the Planet. Un gruppo di super uomini e super donne, dalle gambe scalpellate e dalla tenacia mentale illimitata, che – amichevolmente – senza qualche rotella a posto ha sfidato la natura in una delle sfaccettature più inaccessibili. Tra questi folli sportivi, 160 circa provenienti da ogni parte del mondo, si è annoverata anche la presenza di Raffaele Brattoli, indomita desert runner di Peschiera Borromeo, il quale ha ripercorso con noi le tappe salienti e gli aneddoti della competizione. La partenza della gara, e del nostro racconto, risale al 13 maggio 2013. «Alle 5.30 del mattino gli atleti erano già in fermento e alla ricerca di un rifugio naturale come toilette – ride Raffaele Brattoli –. Un'ora e mezzo dopo lo starter annunciava la partenza» della Jordan Race, una competizione in autosufficienza che si sviluppa su 250 chilometri suddivisi in 6 tappe, con un dislivello di 5mila metri. E poi, in aggiunta, la sabbia che rende difficoltoso ogni passo, e il sole che arroventa l'aria oltre i 40 gradi. «Mentre corro nel Wadi Rum, compreso nel più esteso deserto di Hisma, che abbraccia il nord dell'Arabia Saudita e il sud della Giordania, sogno a occhi aperti». Nella sua marcia, intervallata da notti passate in caratteristiche e puzzolenti tende beduine, sono numerosi i passaggi che lo colpiscono: formazioni rocciose dalle sagome più incredibili, scavate dall’acqua e dal vento, canyon talmente stretti da rendere difficoltoso il passaggio anche a una singola persona, cromatismi sabbiosi che si aggrovigliano tra sfumature dorate e color amaranto. «Scalpito tra le dune di sabbia, sento l’ansia dei chilometri, la fatica della gara, il battito del mio cuore, il respiro di un attimo nello spazio della mia vita, dove in quest’angolo del mondo ritrovo il coraggio della sfida di me stesso». Si prosegue nel Kharaza desert, leggermente più regolare. Ai panorami che sublimano la vista si contrappone però la dura realtà: lo sforzo, le temperature elevate, le tempeste di sabbia, le vesciche e le unghie ormai penzolanti. Eppure «il dolore mi ricorda di essere vivo». I chilometri volano, e anche la sabbia che si impasta tra i denti. Giunto a ridosso di Petra, un’idea un po’ fuori dalle righe – e contro il regolamento – balenò nella testa di Raffaele Brattoli: trovare della coca-cola per festeggiare il compleanno dell’amico Paolo Barghini (che arrivò a tagliare il traguardo con il miglior tempo). «Mi imbattei in un beduino al quale chiesi dove avrei potuto trovare un negozio aperto». La deviazione che seguì, materializzò nel suo zaino un bottiglione di una bibita ghiacciata. Sebbene gli avesse fatto perdere posizioni e tempo, suppergiù 30 minuti, all’ultramaratoneta peschierese non importava: lui non compete infatti per una posizione ma contro il limite della sopportazione umana. Sopraggiunge il 19 maggio 2012, la tappa finale. L’arrivo è previsto nella stretta gola del Siq, sotto la solennità dell’edificio sacro di El Khasneh (location dove hanno girato la fase finale di Indiana Jones, L’Ultima Crociata). «Così, passo dopo passo, ho raggiunto il sospirato traguardo – racconta –. Tanto ero distrutto e sporco che per riconoscermi occorreva leggere il numero di pettorale; ho perso molti chili, e la barba lunga invecchiava il mio visto nascondendone però in parte l’affaticamento». Un urlo liberatorio, durante la premiazione, ha messo la parola “terminata” alla gara in Giordania con un ottimo posizionamento: 31esimo in classifica generale e un secondo posto nella graduatoria di categoria. «Il coraggio – chiosa Raffaele Brattoli – non è arrivare in fondo, ma è partire». E lui, assicura, è già pronto per addentrarsi in altre molte avventure. Leggi »









Peschiera: emergenza scuole, i solai sono pericolosi

Emergenza scuole a Peschiera Borromeo. I rilievi tecnici fatti alle scuole peschieresi, dopo la scossa di terremoto del 20 maggio, hanno rilevato un pericoloso peggioramento, alle strutture che sarebbero state oggetto di interventi di manutenzione nei mesi di chiusura della scuola. «Bisogna intervenire urgentemente e strutturalmente , per non lasciare Peschiera Borromeo senza scuole a settembre», è quello che è emerso dalla conferenza stampa convocata dall’Amministrazione comunale il 13 giugno. Leggi »

































TEEM, Massimo Gatti: «Domani occorre essere in tante e tanti al corteo a Melzo per ribadire il nostro no»

COMUNICATO STAMPA - Milano, 9 giugno 2012. Il Capogruppo in Provincia di Milano per Lista un'Altra Provincia-PRC-PdCI, Massimo Gatti, aderisce al corteo NO TEM previsto per domenica 10 giugno con concentramento alle ore 15.00 a Melzo in via Cristoforo Colombo 6 (Piazzale del Millepiedi, sulla Cerca) e promosso dal coordinamento No Tem in collaborazione con le diverse associazioni presenti sul territorio interessato dalla Tangenziale Esterna Milanese. Leggi »

Mezzi: «TEEM, una falsa inaugurazione per un autostrada inutile»

Sinistra e Libertà Gruppo consiliare della Provincia di Milano COMUNICATO STAMPA Milano, 9 giugno 2012
“Siamo di fronte alla prima non-inaugurazione di un opera pubblica -afferma Pietro Mezzi, capogruppo di Sinistra Ecologia Libertà e già assessore provinciale al Territorio dal 2004 al 2009 -La Provincia di Podestà ospita il primo taglio del nastro virtuale nella storia delle opere pubbliche del nostro Paese”. Leggi »


Affaire Bellaria, richiesta una conferenza dei servizi. Tabacchi: «Non c'era solo la voglia di costruire»

Affaire Bellaria, richiesta una conferenza dei servizi. Tabacchi: «Non c’era solo la voglia di costruire» Gli ex Amministratori di Peschiera Borromeo innalzano gli scudi sull’affaire Bellaria, si è svolta un assemblea pubblica, autoconvocata dal centro sinistra cittadino, in sala Mazzola giovedì 7 giugno 2012. Scopo dichiarato dell’ assemblea è quello di arrivare a formulare delle proposte concrete per arrivare ad una rapida soluzione del problema, come ad esempio la conferenza dei servizi richiesta dall’attuale opposizione, che consentirebbe a tutte le parti in causa di incontrarsi e chiarirsi. Leggi »

L'incantevole arte circense è alla portata di tutti, alla scuola di Paride e Sneja Orfei. Ma il Piccolo Circo dei Sogni troverà ancora spazio in città?

La scuola internazionale di arte circense, guidata da Paride Orfei ha messo in scena anche quest’anno uno splendido saggio in quattro atti. Il 12 e 13 maggio è toccato ai giovanissimi e alle matricole; il 19 e 20 maggio agli allievi esperti e già navigati. Lo spirito della scuola è tutto, non a caso, racchiuso nel nome: “Piccolo Circo dei Sogni”, dove la grazia, la preparazione atletica, l’abilità, si uniscono in un connubio entusiasmante, che agli occhi del pubblico si presenta come un grande viaggio onirico ai confini della realtà, sfidando la gravità e la fisica. Leggi »