Ice bucket challenge: i moralisti e le loro manie di persecuzione

La doccia fredda in poco tempo è diventata un fenomeno globale ma, nonostante si tratti di un’iniziativa benefica, anche questa volta non sono mancate le polemiche.

In questi giorni milioni di persone in tutto il mondo hanno accolto la campagna di sensibilizzazione “anti SLA”. La doccia fredda in poco tempo è diventata un fenomeno globale ma, nonostante si tratti di un’iniziativa benefica, anche questa volta non sono mancate le polemiche.

C’è chi dice che si può fare beneficenza anche senza mettersi in mostra, c’è chi dice che questa sfida comporti uno spreco di acqua e che sia un insulto a quei paesi in cui questa materia prima è scarsa o pressoché inesistente, c’è chi, invece, critica la quantità di danaro che viene donata e infine c’è chi critica l’Italia perché ha raggiunto un numero di donazioni minore di quello americano, insomma c’è chi parla …

E’ lecito esprimere le proprie opinioni ma una cosa che faccio fatica a sopportare è l’arroganza con cui certe persone criticano una campagna di sensibilizzazione che ha portato ad oggi l’ammontare delle donazioni in Italia ad un valore superiore ai 300.000 euro a favore della sola AISLA. Si tratta di una cifra che senza questa campagna di sensibilizzazione molto probabilmente non sarebbe mai stata donata. A questo punto mi chiedo: perché guardare il bicchiere sempre mezzo vuoto? Io sono solito guardare al bicchiere mezzo pieno. Sono soddisfatto di aver donato in favore della ricerca, mi sento orgoglioso di aver contribuito anche io al tentativo di combattere questa malattia per di più partecipando ad un gioco divertente. E’ ovvio che non tutti hanno donato, è ovvio che è stata sprecata dell’acqua ed è anche vero che in molti hanno dato il loro contributo senza partecipare alla doccia fredda, ma tutto ciò non fa di questa campagna una iniziativa inutile, tutt’altro. Quindi, se la campagna è stata utile, non capisco quale sia il problema, non vedo il motivo di criticare qualcosa che può portare vantaggio alla ricerca contro una malattia di cui tutti potremmo essere affetti. Di conseguenza, qualsiasi critica è un cane che si morde la coda ed è insensata.

Detto ciò, non credo ci sia altro da aggiungere, l’unica cosa che posso fare è darvi un consiglio: se siete tra quei lamentoni che non sopportano di vedere sulla loro home di facebook persone che si fanno la doccia fredda, bene … allora sarà il caso che vi rilassiate e sopportiate per qualche altro giorno questo tormentone, magari andando a donare, possibilmente con il sorriso,  oppure andando a farvi una bella doccia rilassante, quella vera. Attenzione però a non stare un quarto d’ora sotto l’acqua, non sia mai che si sprechi…

Giancarlo Capriglia 
Leggi il mio blog
frill

I più visti

Come difendersi da un coerede ingordo?

Egregio Avvocato, Le sottoponiamo il nostro quesito sicure che Lei potrà fornirci il suo autorevole consiglio per la risoluzione del nostro problema. Siamo tre sorelle comproprietarie di un immobile del quale ne deteniamo il possesso in misura del 25% ciascuna; l'altro 25% è di proprietà di una quarta nostra sorella. Il suddetto immobile, pur essendo di proprietà esclusiva di noialtre quattro figlie, è stato utilizzato da nostra madre, fin dalla morte di nostro padre, come abitazione principale in qualità di coniuge erede.
23 luglio 2013

Il rispetto delle regole è alla base della società e si impara da piccoli

Il rispetto delle regole
Alla base della società civile sta l'importantissimo concetto del rispetto delle regole; una cosa che si impara fin da bambini e che porta a diventare d'esempio per il prossimo.
19 novembre 2014

Dipendente viene trasferito presso un’altra sede della società per la quale lavora, a 100 chilometri da casa. Enormi i disagi che la decisione presa dal suo datore di lavoro ha comportato. Il lavoratore cosa può fare? Si può opporre al trasferimento?

Spettabile redazione vorrei sottoporre all'Avvocato il seguente quesito. Mi è stato comunicato che dall'inizio del prossimo anno sarò trasferito presso un'altra sede della società per cui lavoro. La nuova sede dista più di 100 km da casa mia, mentre il posto di lavoro attuale solo 8 km. Nella lettera dell'azienda non mi viene fornita alcuna spiegazione circa questo trasferimento. Posso essere trasferito senza il mio consenso?
15 gennaio 2012