Vacanza a 4 zampe: le regole da rispettare e le mete pet-friendly

Quando si viaggia all’estero sono richieste autorizzazioni particolari o documenti specifici riguardanti l’origine e la salute dell’animale

Con l’estate finalmente si parte per le vacanze, insieme all’inseparabile compagno a 4 zampe, che non è giusto abbandonare in città. Lo si potrebbe lasciare a un amico, o scegliere una pensione per animali, ma è sempre meglio portarlo con sé e godersi una vacanza insieme.
Ovviamente ci sono regole da rispettare, documenti da rinnovare, vaccinazioni da controllare ed è sempre bene scegliere un posto dove la sua presenza sia gradita. Vediamo quali sono e dove andare.

Animali in viaggio: le regole da rispettare

Si possono portare gli animali domestici più comuni, come il cane e il gatto, su quasi tutti i mezzi di trasporto. Per l’aereo bisogna chiedere quale compagnia lo consente, e le regole generalmente prevedono che possono viaggiare in cabina, dentro l’apposito trasportino, solo gli animali di piccola taglia, mentre quelli più grandi viaggiano in stiva tra i bagagli.
Più agevole invece il trasporto in nave o in treno, dove le regole sono meno rigide, e si può anche far visita al proprio amico per dargli da mangiare o farlo sgranchire un po’. In ogni caso bisogna che l’animale venga dichiarato al momento dell’acquisto del biglietto e che sia munito di documento d’identità, chip e libretto di vaccinazioni aggiornato.
Quando si viaggia all’estero poi, spesso sono richieste autorizzazioni particolari o documenti specifici riguardanti l’origine e la salute dell’animale. Oggi fortunatamente esistono aziende come Blisspets, un vero e proprio corriere per trasporto degli animali, che possono aiutare nello sbrigare le pratiche e nell’organizzare i diversi aspetti per partire in vacanza in totale tranquillità.

Le mete pet-friendly

La prima città a posizionarsi in cima alla lista pet-friendly è Parigi, dove quasi tutte le strutture accettano animali in stanza e l’accoglienza si estende anche ai ristoranti, ai bistrot, e ad alcuni parchi celebri, come le Tuileries, Place de la Concorde e le Jardin du Luxembourg.
Berlino è altrettanto accogliente anche per gli animali domestici, visto che i ¾ delle strutture ricettive li accettano senza problemi. Si prosegue con l’incantevole terra dei fiordi, la candida Norvegia, che accetta ospiti animali anche sulla Queen Mary 2, la più lussuosa tra le navi da crociera, insieme a molte location nella capitale Oslo.
Ma se si varca l’oceano, e si decide per gli States, niente è meglio di New York per viaggiare con gli animali, con centinaia di strutture attrezzate, dal Marriott al Park Hyatt, passando per il mitico Ritz-Carlton. Zampa libera oltretutto, al Central Park, fino alle nove del mattino e dopo le 21, insieme all’esistenza di splendidi centri di dog-sitting come il “NY Dog Nanny” o il centro benessere animale “NY Dog Spa”. 
Un altro paese che fa follie per i cani è il Giappone, dove il numero dei cuccioli domestici supera quello delle nascite già dal 2003, e dove è possibile consultare il menù per il cane al ristorante e al bar, mentre il parco dello Yoyogi è addirittura diviso in zone per taglie di cani che vi possono circolare.

Iscriviti alla Newsletter settimanale di 7giorniriceverai  le ultime notizie e il link dell'edizione cartacea in distribuzione direttamente nella tua casella di posta elettronica. Potrai così scaricare gratuitamente il file in formato PDF consultabile su ogni dispositivo